Imperdibili

5 asini sono i nuovi giardinieri assunti da un sindaco sardo

Cinque asini giardinieri sono stati ingaggiati da un Comune sardo per risparmiare sulla manutenzione del verde pubblico

Fonte: flickr

In un Comune sardo a lavorare come muli per lo sfalcio dell’erba saranno… cinque asini giardinieri. Questa è infatti l’ingegnosa idea che ha avuto il sindaco di Ghirlanza , Comune del centro della Sardegna, dove cinque simpatici asinelli sono stati “assunti” dal primo cittadino come giardinieri per la manutenzione del verde pubblico. I cinque asini saranno impiegati nel loro lavoro preferito: brucare l’erba che troveranno in abbondanza negli spazi verdi del territorio comunale. Il loro compito sarà di mantenere a raso i prati loro assegnati mangiando tutta l’erba che trovano. Come dichiarato dal sindaco, sarà madre natura ad aiutare i cittadini nel mantenere il decoro degli spazi comuni.

L’impiego di questi instancabili lavoratori fa parte del piano di riqualificazione e nei fatti permetterà di ottenere un importante risparmio di denaro pubblico, che sarebbe stato impiegato per l’ingaggio di giardinieri e l’utilizzo di macchinari per tagliare e raccogliere l’erba. Non solo. L’impronta ecologica degli asini è ad impatto zero: i soli carburanti di cui abbisognano sono acqua ed ovviamente erba! Economici ed efficaci: gli animali infatti riescono a brucare i prati meno agevoli da raggiungere e non incontrano difficoltà in terreni pendenti o accidentati. E quale sarà stato il primo incarico degli asini lavoratori? Ovviamente non poteva che essere un “ritorno” a scuola! Gli asinelli in questi giorni si stanno occupando dei prati dell’asilo nido comunale. Ma una volta ultimato il lavoro saranno spostati in altre zone del Comune per banchettare laddove l’erba è più alta e necessita di essere accorciata.

Il sindaco di Ghirlanza non è stato tuttavia il primo a mettere degli erbivori al servizio della comunità. In un condomino di Tokyo , lo Urban Renaissance Agency, sono state impiegate alcune caprette per lo sfalcio dei giardini del complesso residenziale. Anche nel paese del Sol Levante l’idea è nata per risparmiare sulla cura del verde condominiale e sembra proprio che ai residenti l’idea sia piaciuta: per le caprette si prospetta il rinnovo contrattuale. Ma non mancano nemmeno i precursori italiani: nel 2004 l’allora presidente della provincia di Treviso, Luca Zaia, impiegò sei asini per lo sfalcio dell’erba lungo le strade provinciali. Allora gli asini giardinieri restarono in servizio sino al 2011 quando, con il cambio di amministrazione, finirono in pensione in una fattoria in provincia di Cuneo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati