Lifestyle

9 cose da non fare mai su Facebook per evitare di rovinarsi la vita

Cosa non fare su Facebook: conoscere le tipologie di contenuti che è opportuno non pubblicare per evitare la sospensione o addirittura la rimozione dei nostri account

Fonte: flickr

Capire cosa non fare su Facebook è importante visto che negli ultimi tempi sembra essere diventato un po’ troppo zelante riguardo la censura: l’Independent, analizzando l’algoritmo di profanità del sito, ha scoperto che il social vieta i messaggi con la parola “Scunthorpe” a causa della parola esplicita presente nel mezzo di essa. Prima di tutto, agli inserzionisti è proibito inviare contenuti rivolti personalmente all’utente: a tal proposito, frasi pubblicitarie come “acquista questa camicia, Greg” sono state inserite nella lista nera di cosa non fare su Facebook .

A quanto pare non è ammesso scrivere che il tuo nome è Mark E. Zuckerberg, CEO del social stesso, se non lo sei: questo lo sa bene un avvocato di Indianapolis, Mark S. Zuckerberg, che ha avuto il suo account temporaneamente bloccato in quanto Facebook pensava che l’uomo stesse cercando di impersonare il famoso fondatore del social. A confermare quanto bisogna fare attenzione ai casi di omonimia, si aggiunge il caso di Selena Gomez, alla quale il sito ha bloccato l’account perchè accusata di impersonare una celebrità, proprio se stessa. Inoltre una cosa da non fare su Facebook è creare più di un account personale, quindi abbandonate l’idea di una doppia vita virtuale.

Altri fattori che potrebbero causare problemi sono le immagini e le foto: il sito vieta la pubblicazione di foto bizzarre dei propri figli, come di una bambina di 5 anni che finge di “allattare” la sorellina. A tal proposito, c’è stato un dibattito riguardo le foto scattate durante l’allattamento al seno considerate oscene e vietate in quanto contenenti scene di nudo. La controversia è stata risolta ed ora si legge tra i termini e condizioni del sito che la maggioranza di tali foto sono idonee alla pubblicazione: un passo avanti nella lista di cosa non fare su Facebook. Tuttavia ci sono ancora restrizioni per le foto mostranti il capezzolo, quindi se siete delle femministe evitate di pubblicare foto celebrative di donne mostranti il proprio seno.

Per finire, è importante porre attenzione al linguaggio utilizzato: espressioni colorite, forti e parolacce e imprecazioni non sono ammesse ed è opportuno adottare un comportamento rispettoso. Attenzione anche alla tipologia di contenuti pubblicati: sono vietati discorsi di odio e di incitazione alla violenza, minacciosi, pornografici e contenenti scene di nudo o violenza visiva. Queste misure servono per proteggere gli utenti da espressioni di odio, anche se è stato rilevato quanto spesso dei post vengano rimossi da Facebook senza delle ragioni apparenti.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati