0, 0, 0, 1, 0, 0, 0 trend

Amazon sfida Netflix e taglia di 1 euro il prezzo dei film

Amazon propone un abbonamento scontato per battere Netflix sui contenuti video on-demand

Fonte: flickr

La sfida tra Amazon e Netflix è appena cominciata ed è ricca di colpi di scena. I due colossi americani si stanno indirizzando sempre più verso il mercato dello streaming on-demand e si contendono l’attenzione di milioni di persone che, ormai non solo negli Stati Uniti, privilegiano questa modalità di fruizione di film e serie tv alla tv via cavo. La notizia del giorno è che Amazon ha deciso di ridurre l’abbonamento mensile, fissandolo a 8,99 dollari, ovvero un dollaro in meno rispetto a Netflix.

Netflix, con i suoi 60 milioni di abbonati e 190 Paesi coperti, è sicuramente al momento il servizio di web-tv più popolare, soprattutto per le serie tv. Creato come un brand ben riconoscibile per i clienti in quanto dedicato esplicitamente ed esclusivamente ai contenuti video in streaming, pare stia avendo qualche problema a riscontrare fuori dagli Stati Uniti lo stesso successo riscosso in patria. Se gli spettatori hanno gusti simili in Canada, Stati Uniti, Australia e Inghilterra, decretando il successo di serie come “House of Cards” e “Orange is the New Black”, negli altri Paesi la situazione non è così chiara.

Netflix è per il momento la regina incontrastata del settore. Ma Bob Berney, a capo del marketing per gli Amazon Studios, ha annunciato future campagne in grado di rovesciare la situazione: Amazon si proporrà come produttore, arrivando a finanziare almeno 16 film all’anno. E’ infatti per il momento molto conosciuta per la produzione di serie tv di successo, quali “Mozart in the Jungle” e “Transparent”, ma vuole puntare a battere Netflix sui film, settore nel quale quest’ultima risulta piuttosto carente. I suoi servizi sono per ora disponibili negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Germania, in Austria e in Giappone.

E’ molto probabile che la sfida tra Amazon e Netflix non venga vinta sulla base dell’originalità dei contenuti ma piuttosto sulla varietà dei servizi offerti: Amazon è una piattaforma e-commerce che può vendere con una sottoscrizione unica un insieme nutrito e variegato di servizi (Amazon Prime, ad esempio) portando così l’acquirente a percepire un ulteriore vantaggio economico. Oggi vince sul mercato chi meglio si adatta alle esigenze del consumatore che vuole avere piena libertà di decidere quando e come fruire contenuti e servizi e Amazon con i suoi potenti server minaccia di battere tutti. Sono finiti i tempi in cui si dovevamo aspettare le cinque del pomeriggio per una puntata di “Friends”!

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti