Lifestyle

Annusare il rosmarino fresco rafforza la memoria

Per rafforzare la memoria? Basta semplicemente annusare un mazzetto di fresco rosmarino

Fonte: flickr

Per rafforzare la memoria un rimedio semplice e soprattutto naturale potrebbe essere quello di annusare del fresco rosmarino (termine che deriva da ros, rugiada e maris, del mare). Forse non tutti sono a conoscenza che questa profumata pianta, che può essere tenuta anche in casa, viene definita proprio erba della memoria: un modo per sottolineare questo suo particolare beneficio. Una dolce leggenda racconta che se l’innamorata nasconde un rametto di rosmarino nella tasca del suo amato, questi non potrà in alcun modo dimenticare le promesse pronunciate.

A dichiarare che il rosmarino è capace di rafforzare la memoria è stato il direttore del Dipartimento di psicologia della Northumbria University britannica: Mark Moss. Quest’ultimo ha dato vita ad un interessante esperimento scientifico ed è giunto a confermare proprio questa antica credenza. In occasione della conferenza annuale della British Psychological Society a Nottingham, lo studioso ha presentato il suo rapporto dichiarando che annusare l’aroma di rosmarino aiuta veramente a migliorare i ricordi. Ma come si è giunti a questa attestazione?

Il giornale Telegraph ha scritto che lo staff di scienziati guidati da Moss ha sistemato, in modo del tutto casuale, 150 pensionati over 65 e sani in una stanza dove poco prima si era scelto di diffondere: o l’aroma di rosmarino, o quello della lavanda oppure nessuno. In seguito tutti sono stati sottoposti ad un test di memoria. Ne è venuto fuori che: quelli che avevano annusato rosmarino avevano una memoria maggiore pari al 15% rispetto agli altri. Questa pianta può in effetti rivelarsi per gli anziani un prezioso aiuto nel rafforzare la loro memoria soprattutto per prendere qualche importante farmaco.

É necessario ricordare come un’altra erba capace di rafforzare la memoria è stata rintracciata nella tisana della menta piperita. Anche in questo caso è stato condotto un esperimento su 180 persone. Tra queste alcune hanno ricevuto del tè alla menta piperita, altri della camomilla, altri ancora semplice acqua calda. Dopo circa 20 minuti sono stati anche loro testati attraverso prove cognitive e di memoria ed un questionario sull’umore. Che cosa ne è venuto fuori? É stato dimostrato che il tè alla menta pepertita non solo migliora la memoria, ma aumenta anche la prontezza dei riflessi. La camomilla invece, proprio per il suo aspetto calmante, rallenta tantissimo la capacità di memoria e d’attenzione.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati