Imperdibili

Arisa: una vita tra musica, cinema e passioni

Arisa, una delle protagoniste in gara a Sanremo 2016 con il suo brano "Guardando il cielo". Andiamo a scoprire qualche dettaglio in più della sua carriera

Fonte: flickr

Rosalba Pippa, nota al pubblico con il nome d’arte Arisa, è nata il 20 agosto 1982 a Genova, ma ha vissuto in provincia di Potenza, terra d’origine dei suoi genitori. Il nome Arisa in realtà è l’acronimo delle iniziali dei nomi dei suoi familiari: Antonio (il papà), Rosalba (lei), Isabella (la sorella), Sabrina (l’altra sorella), Assunta (la mamma). Prima di arrivare al successo nel 2009 con il brano “Sincerità”, Arisa si è diplomata al liceo pedagogico e ha svolto diversi mestieri.

La passione per la musica la porta già a quattro anni ad esibirsi ad un primo concorso canoro. Cresce coltivando il suo interesse per grandi artisti come De Andrè, Mia Martini, Mariah Carey e Celine Dion. Nel 1998 inizia a partecipare a vari concorsi riportando a casa le prime vincite. Nel 2007 ottiene una borsa di studio come interprete presso il CET, la scuola di Mogol. Qui conoscerà Giuseppe Anastasi, suo compagno per un periodo, con il quale curerà molti dei suoi testi più famosi.

Questo è solo l’inizio, perché l’anno successivo vincerà SanremoLab, conquistando la possibilità di partecipare alla 59° Edizione del Festival di Sanremo. Sarà proprio in questa occasione che raggiungerà il meritato successo nella categoria Nuove Proposte con il brano “Sincerità”. Oltre al plauso del pubblico, riporterà a casa anche il premio della Critica del Festival dedicato a Mia Martini.

Arisa si distingue da subito per il suo look anni ’20 e per un portamento particolare che stuzzicherà l’interesse di molti. Viene pubblicato anche il primo album che svetta i primi posti in classifica. Nel 2009 si aggiudica il premio come rivelazione dell’anno al Wind Music Awards e iniziano le prime comparse nei vari programmi tv.

Memorabile anche la sua partecipazione al concerto Amiche per l’Abruzzo, organizzato da Laura Pausini per le vittime del terremoto de L’Aquila nell’aprile del 2009.

Nel 2010 torna a Sanremo, questa volta esibendosi nella categoria “Artisti”. Si presenta con il brano “Malamorenò”, ma non riuscirà a posizionarsi tra le prime tre. Il 2011 è la volta del cinema, con il ruolo di Chiara nel film “Tutta colpa della musica”, della regia di Ricky Tognazzi; sarà protagonista anche nella pellicola “La peggior settimana della mia vita” di Alessandro Genovesi.

Nel 2012 esce il suo primo romanzo. Seguiranno altre esibizioni a Sanremo negli anni successivi e nel 2014 tornerà a vincere con il brano “Controvento”. L’anno dopo Arisa calcherà il palco ma in qualità di valletta, accanto a Carlo Conti.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati