Tech

Arriva la manicure con l'abbonamento metro integrato

Una rivoluzionaria ed innovativa tecnologia a portata di mano per viaggiare in sicurezza: la manicure-microchip con abbonamento della metro integrato

Fonte: Mentalfloss

Una grande novità che permetterà di semplificare l’accesso in metropolitana: la manicure con abbonamento metro integrato. Come funziona questa rivoluzionante ed innovativa idea tecnologica? Chi è stato il suo ideatore e come funziona?

L’ideatore è Lucie Davis, studente di design, che ha voluto realizzare questa “carta a portata di mano” come elaborato finale per la sua tesi di laurea. Davis ha creato una manicure- microchip che consente di entrare nella metropolitana di Londra con un solo e semplice tocco delle dita: infatti, basterà avvicinare la mano, il lettore di schede rileverà il microchip installato sulla vostra manicure e  l’apertura dei tornelli della metro avverrà in pochissimi secondi.  Come si evince, così avrete non solo della mani molto curate, ma quasi “tecnologiche”!

Realizzazione di Lucie Davis

Come mai Lucie Davis ha voluto realizzare questo progetto? Nato e creato come parte della sua tesi di laurea, Lucie Davis voleva creare qualcosa di originale che facilitasse l’ingresso in un posto affollato come può essere la metro londinese. In questo modo, infatti, con la manicure-microchip, si recupererà tempo evitando le lunghe file.

Quali sono i vantaggi che offre questa nuova tecnologia ? La manicure-chip consentirà di poter viaggiare in tutta sicurezza contrastando il rischio di smarrire  la tessera dell’abbonamento metropolitano ed eviterà persino i furti. In tal modo, inoltre, l’abbonato potrà contrastare il rischio di incorrere in pesanti multe, poiché avrà la sua tessera sempre a portata di mano.

Tecnologia RFID

La manicure-chip è indolore e garantisce la sicurezza digitale con un solo tocco. Questo impianto sfrutta la tecnologia RFID. Di cosa si tratta? RFID sta per “radio frequency identification”ed è basata sulla propagazione di onde elettromagnetiche consentendo in tal modo l’identificazione automatica a distanza  di oggetti, persone o animali che siano fermi o in movimento.

A seconda della sorgente di energia, possiamo distinguere due famiglie di tecnologia RFID: la RFID passiva con una soglia di lettura piuttosto bassa   (circa dieci-quindici cm); la RFID attiva  che emette un’energia in radio-frequenza tale da propagarsi su distanze piuttosto ampie. Gli apparati RFID attivi, infatti,  ricevono e trasmettono dati per una distanza compresa tra i cento e cinquecento metri.

 

 

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati