1, 0, 1, 2, 0, 0, 0 trend

In Australia il bar delle donne: gli uomini pagano di più

In Australia c'è un bar in cui le donne si siedono prima e gli uomini pagano di più. Tutta colpa del gender pay gap

Fonte: Twitter

In Australia esiste un bar in cui gli uomini pagano di più delle donne. Si tratta di Handsome her, un locale femminista e vegano, in cui il genere femminile ha la precedenza su tutto. Il motivo? Secondo recenti ricerche in Australia fra uomini e donne ci sarebbe un gender gap del 17,7%, ciò significa che il solo essere nato maschio garantisce uno stipendio maggiore.

Da qui l’idea. Se la discriminazione fa si che gli uomini guadagnino di più, allora è giusto anche che paghino di più. Così quando arriva il conto i maschietti si ritrovano sempre una maggiorazione del 18%. Una discriminazione? Secondo i proprietari del bar no, perché consente semplicemente di provare sulla propria pelle l’ingiustizia subita da migliaia di donne.

Il bar “di donne e per donne” ha delle regole ben precise elencate su una lavagnetta. Ovviamente l’iniziativa ha fatto discutere e ha scatenato accese polemiche. In tanti hanno attaccato Handsome her, convinti che le regole per gli uomini siano una discriminazione e una provocazione fastidiosa e inutile.

Di tutt’altra idea Belle Ngien, direttrice del cafè australiano, che, durante un’intervento alla Cnn, ha spiegato: “Il nostro unico obiettivo in realtà è aumentare la sensibilità sulla questione e promuovere il dibattito sul gender gap”

Della stessa idea il proprietario Alex O’Brien: “Se gli uomini non vogliono pagare, non li cacciamo fuori dal locale – ha detto in un’intervista parlando del gender pay gap esistente in Australia -. Si tratta solo di un’opportunità per fare qualcosa di buono”.

Il 18% in più pagato dagli uomini infatti non finisce nelle casse del locale, ma viene utilizzato per fare beneficenza. La direttrice e il proprietario di Handsome her hanno infatti deciso di sostenere la Elizabeth Morgan House, un’associazione non governativa che  i bambini aborigeni e le loro mamme, e altre associazioni che sostengono le donne australiane in difficoltà.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti