Barboncino scappa e scatena il caos in aeroporto

Un allegro barboncino ha scatenato il caos in un aeroporto, provocando un grave ritardo nei voli

Un tenero barboncino ha scatenato il caos in un aeroporto. Accade nello scalo di Tokyo Haneda, dove un cagnolino ha provocato la chiusura delle piste, dopo essere fuggito. L’animale avrebbe dovuto viaggiare su un volo diretto verso l’isola di Okinawa, rimanendo all’interno di una gabbia nella stiva. Proprio quando gli addetti stavano imbarcando il trasportino sull’aereo il cane, particolarmente vivace, è fuggito.

Diverse persone hanno tentato di acciuffarlo, ma è stato tutto inutile. Il barboncino ha iniziato a correre sulla pista, provocando il panico. Le piste sono state chiuse e oltre quattordici voli hanno subito un notevole ritardo. I fatti sono accaduti intorno alle 8.50 del mattino e per diversi minuti i responsabili dell’aeroporto sono stati in balia del cucciolo, che non la smetteva di correre e scappare.

Dopo che l’accesso alla pista di atterraggio è stata chiusa, il padrone del cane, che era già salito sull’aereo, si è unito alle ricerche. Sono trascorsi oltre 40 minuti prima che il barboncino fosse catturato, bloccato in un campo d’erba. Il cane, finalmente fra le braccia del suo padrone, è stato imbarcato sull’aereo della Japan Airlines.

La compagnia aerea ha annunciato che presto avvierà un’indagine interna per scoprire se le procedure di imbarco sono state rispettate e se la fuga del cane (e il conseguente ritardo) poteva essere evitata. Non è la prima volta che un animale mette ko un aeroporto, impedendo la partenza degli aerei. Solitamente a creare problemi di questo tipo sono gli stormi di uccelli, che si scontrano con i mezzi, provocando spesso ingenti danni. Questo fenomeno ha anche un nome ed è chiamato “bird strike”. Accade frequentemente durante il decollo o l’atterraggio, nei voli a bassa quota. Il punto di impatto è solitamente l’elica, ma anche la fusoliera e il parabrezza.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti