Lifestyle

Breve guida alla manutenzione delle piscine fuori terra

Tutto quello che c'è da sapere sulla pulizia della piscina esterna che permette, anche in spazi ridotti, di non rinunciare alla propria oasi refrigerante

Fonte: google

Le piscine fuori terra, enormi vasche strutturate esattamente come le piscine interrate, però più economiche e più facili nel montaggio, hanno riscosso un grandissimo successo in tutti quegli ambienti che non disponevano di un terreno sufficientemente profondo ad ospitarne di tradizionali.

Numerose ville e case con giardino e anche alcuni stabilimenti balneari hanno, infatti, adottato la soluzione delle piscine fuori terra per non rinunciare al proprio spazio blu. Seppure più semplice da montare e smontare, la piscina fuori terra ha comunque bisogno di una manutenzione ad hoc, per evitare la proliferazione dei batteri.

La manutenzione

Per una corretta manutenzione della piscina è necessario utilizzare il cloro, da dosare in base alla capacità della piscina. Il cloro è in grado di uccidere i batteri, i microrganismi e le alghe presenti nell’acqua, ma va dosato nella maniera giusta per evitare che un eccesso di prodotto possa essere irritante per chi utilizza la piscina.

Il cloro è disponibile in forma liquida, in pasticche o in granuli: alcuni tipi di cloro non hanno bisogno di una pre-dissoluzione ma devono essere testati quotidianamente con un kit apposito, che potrete trovare anche presso il rivenditore dove avete acquistato la piscina.

Altro elemento importante per la manutenzione della piscina è l’acido isocianurico, da testare anche’esso quotidianamente onde evitare che un eccesso possa annientare l’effetto disinfettante del cloro. La piscina inoltre va pulita tutti i giorni da eventuali foglie e insetti, e una volta alla settimana ne vanno spazzolate le pareti e lavati filtri e prefiltri.

Cambiare l’acqua

Il cambio dell’acqua in una piscina fuori terra va fatto in base alla frequenza dell’utilizzo. Di solito se si ha una pompa a filtro o a sabbia l’acqua risulta essere più chiara e pulita. Tutte le indicazioni si trovano comunque nel libretto di istruzioni, oppure si può fare riferimento a un rivenditore autorizzato, che oltre a consigliarci al meglio circa il cambio dell’acqua ci fornirà anche alcuni prodotti chimici con cui effettuare la pulizia.

Ad ogni modo, è bene chiarire che con una manutenzione corretta e con l’utilizzo di filtri e disinfettanti appositi, l’acqua nella piscina fuori terra andrà cambiata molto di rado.

Le opinioni

Le piscine fuori terra raccolgono opinioni perlopiù positive, dati i costi decisamente ridotti rispetto a quelle tradizionali e la possibilità di impiantarle senza pagare tasse aggiuntive. I materiali con cui sono realizzate ne rende possibile l’installazione in qualunque spazio aperto, quindi sono perfette nei giardini di case o ville private, ed hanno il vantaggio di poter essere lasciate fuori anche in inverno senza doverle per forza smontare, perché resistono fino a una temperatura di 7 °C.

Il kit per la pulizia

L’uso di un kit pulizia per la piscina è fondamentale, sia che ne abbiamo una tradizionale sia che possediamo una piscina fuori terra. Il kit serve a monitorare costantemente la presenza di cloro nell’acqua, e ci avvisa quando dobbiamo reintegrarlo per mantenere costante il suo potere disinfettante.

I kit per la pulizia delle piscine sono reperibili presso i rivenditori autorizzati oppure nei negozi online che abbiano però fonte attendibile e che mettano a disposizione degli acquirenti un servizio clienti preciso ed efficiente.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati