Verdone a Dylan: "Ah Bob, ma falla finita. Più umiltà e riconoscenza"

Carlo Verdone compie 66 anni e scrive una lettera a Dagospia sull’affair Bob Dylan e il Nobel rifiutato: "Questo esibizionismo da rockstar scorbutica e asociale non regge più"

Carlo Verdone, uno dei registi e attori più amati della nostra commedia, nonché grande esperto di musica e batterista (anche per Venditti), invia una lettera aperta a Dagospia, rispondendo al rifiuto di Bob Dylan di ritirare il premio Nobel, dopo settimane di silenzio, motivato con un semplice “Ho un altro impegno”.

Bob Dylan che risponde all’Accademia dei Nobel “Sono onorato… Ma ho un altro impegno.” Mi porta a urlargli: “Ah Bob, ma falla finita. Ma qual è l’impegno più importante di un mondo accademico per eccellenza che ti porta a non rispondere per settimane e alla fine a chiudere con “Ci ho un altro impegno….”?

Quello era il vero e unico impegno! Sei un gran cantautore, non ci piove, ma questo esibizionismo da rockstar nostalgica della beat generation, scorbutica e asociale oggi non regge più. Metto a tutto volume Johnny Cash e ti lascio per un po’ in esilio insieme ai dischi di Johnny Holiday. Umiltà Bob. Umiltà! E riconoscenza verso tutti noi che abbiamo applaudito, all’inizio, la notizia. Buon impegno Bob

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti