Imperdibili

Che differenza c'è tra congelato e surgelato

In questo articolo spiegheremo la differenza che c'è tra congelato e surgelato, considerato che spesso e volentieri le due cose vengono erroneamente confuse

Fonte: pixabay

Che differenza c’è tra congelato e surgelato? Lo scopriremo assieme all’interno di questo articolo. Da sempre i due termini “congelare” e “surgelare” sono stati utilizzati da molti come sinonimi, quando però in realtà rappresentano due modi di conservare il cibo in maniera differente. Scopriamo in cosa consistono queste differenze. Con il termine “surgelazione” si fa riferimento al metodo utilizzato per la conservazione degli alimenti a livello industriale. Per riuscire ad arrivare alla temperatura richiesta dal processo di surgelazione sono infatti necessari appositi strumenti e macchine che solo le industrie possono possedere. La “congelazione” degli alimenti avviene invece a livello casalingo in un normale freezer di casa.

Per surgelare un alimento è necessario arrivare ad una temperatura che scende al di sotto degli 80°, cosa che invece non accade con la congelazione, la cui temperatura non arriva mai sotto i -20°. La differenza di temperatura è facilmente spiegabile: a livello industriale la quantità di cibo raccolta e che poi deve essere distribuita ai supermercati o ai ristoranti è ovviamente grande; il metodo della surgelazione istantanea garantisce all’alimento il mantenimento di tutte le sue sostanze nutritive. Non tutti i cibi però si prestano ad essere congelati, anzi bisogna conoscere anche icibi che non vanno congelati.

In casa è importante seguire delle apposite norme affinché gli alimenti si conservino nel migliore dei modi e più a lungo possibile senza che si alterino le loro proprietà nutritive. Ma come bisogna congelare gli alimenti ? E’ bene conservare l’alimento all’interno di un contenitore, oppure avvolto in carta di alluminio. Un prodotto può anche rimanere congelato per due mesi, manterrà comunque sempre le sue sostanze nutritive. Ovviamente esistono dei cibi facili da cucinare che vi potranno anche far risparmiare tempo.

Durante la fase dello scongelamento, è consigliabile lasciare che gli alimenti si scongelino in maniera del tutto naturale all’esterno del freezer o al limite in frigorifero, per ridurre l’impatto dovuto alla differenza di temperatura. Non è invece consigliato passare l’alimento sotto l’acqua calda perché si potrebbe anche alterare e alcune parti potrebbero cuocersi; lo stesso vale per chi utilizza il forno a microonde per scongelare gli alimenti all’ultimo momento. In caso di cibo scongelato per errore o per un guasto del freezer, non effettuate nuovamente la procedura per congelarlo, ma consumatelo il più presto possibile.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati