Sport

Classifica maglie più vendute, quante sorprese

Pubblicate in Inghilterra due graduatorie, con risultati differenti. Messi e Ronaldo costretti a inseguire, spunta a sorpresa un milanista

D’estate, si sa, pullulano le classifiche. Una volta c’erano quelle dei tormentoni musicali, ora assai meno popolari di un tempo, così a farla da padrone è sempre lo sport, e il calcio in particolare.

I campioni più amati, quelli più odiati, i più ricchi, gli svincolati d’oro e, immancabili, i trasferimenti più costosi, graduatoria quest’ultima che promette di subire nel 2016 almeno un paio di importanti scossoni nei primi posti legati alle clamorose trattative che porteranno Pogba e Higuain a cambiare maglia.

Molto popolari anche le liste sulle maglie. Esaminata quella relativa alle più brutte di sempre, una di quelle più curiose è relativa alle magliette più vendute al mondo. Ognuno ha la sua top 10, come confermato dalla doppia classifica pubblicata in poche ore da "Totalsportek.com" e da "The Sun".

Molti nomi sono in comune, altri no, e non mancano le sorprese: secondo il Sun, infatti, la maglietta che ha “tirato” di più non sarebbe clamorosamente di Messi e Ronaldo, bensì di Anthony Martial, stella al momento solo potenziale del Manchester United, acquistato un anno fa dai Red Devils per 80 milioni, ma protagonista di una stagione incolore e poi di un Europeo disastroso, oltre che fresco di "scippo" subito da Ibrahimovic, che gli ha preso la numero 9.

Ma la potenza commerciale dello United è nota, quindi il dato, benché sorprendente, può starci anche se a meravigliare è il distacco: per Martial 2.800.000 magliette vendute, 600.000 in più di Messi e addirittura un milione in più di Ronaldo, uno discretamente popolare.

Curiosa è anche la presenza in entrambe le classifiche di Philippe Coutinho, sicuramente non uno dei primi 20 giocatori del mondo, ma al momento la stella del Liverpool, mentre Paul Pogba è (almeno per qualche giorno ancora…) l’unico giocatore della Serie A nella top 5, almeno nella classifica del Sun.

Non l’unico in assoluto, però, perché la notizia-bomba è la presenza al 10° posto nella graduatoria del tabloid nientemeno che di Keisuke Honda. Sì, proprio il giapponese del Milan, reduce da una stagione disastrosa e sempre a un passo da una cessione che però non si concretizza.

Per mancanza di offerte, per il contratto in essere, ma forse anche per motivi commerciali, dato che nel mondo sono state vendute nell’ultimo anno solare 650.000 magliette del numero 10 rossonero. Una goccia nel mare del bilancio del club, ma pur sempre al momento l’unico modo per far stare agganciato il Milan ai primi posti di qualche classifica.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati