Coco: ecco il primo trailer del nuovo film della Pixar

È finalmente uscito il trailer di "Coco", nuovo film d'animazione della Pixar

Fonte: Twitter

Da qualche ora è uscito sul web il primo trailer di “Coco”, il nuovo film della Pixar. Il protagonista della pellicola è il piccolo Miguel, appassionato di musica e amante della chitarra, che sogna di diventare da grande un musicista professionista. I suoi desideri però sono ostacolati dalla famiglia per via di un misterioso divieto secondo cui nessuno dei suoi parenti può fare musica.

Pur di inseguire la sua passione Miguel sfiderà le regole e si troverà ad intraprendere un viaggio nella terra dei morti. Tutto per ritrovare Ernesto de la Cruz, il suo idolo musicale. Nella sua avventura però Miguel incontrerà anche i suoi parenti morti, che tenteranno di ostacolarlo, scontenti del fatto che il giovane stia violando il divieto di famiglia di non suonare.

Il nuovo film Pixar, che promette grandi emozioni, è stato realizzato con la regia di Lee Unkrich, che ha già lavorato in un altro capolavoro della casa cinematografica: “Toy Story 3”. Il regista ha spiegato che Coco ruoterò intorno alla musica, non sarà però un musical classico. “Il film non è propriamente un musical – ha svelato Unkrich -, ma è ambientato in un contesto musicale”.

“Coco” uscirà al cinema in tutti gli Stati Uniti il 22 novembre, per vederlo in Italia invece bisognerà aspettare sino al 21 dicembre 2017. Nel trailer impariamo a scoprire Miguel e la sua personalità, ma soprattutto il suo amore per la musica e il legame con Ernesto de la Cruz.

Inizialmente il film si sarebbe dovuto intitolare “Dia de los Muertos” e questo aveva provocato accese polemiche, tanto che la Pixar aveva deciso di cambiare in corso il titolo, optando per “Coco”. “Le polemiche – ha spiegato il regista – ci hanno aiutato ad assicurarci di aver coinvolto più esperti possibile, e di esserci documentati al massimo per raccontare questa storia nel mondo migliore possibile. È una storia che vogliamo condividere con il mondo, ma per noi è altrettanto importante lo sguardo che avrà la comunità ispanica. Sentiamo questa responsabilità”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti