Imperdibili

Come convincere il proprio cervello a mangiare più sano

C'è un modo per convincere se stessi a mangiare in modo molto più sano? Sembrerebbe proprio di sì

Fonte: flickr.com

Convincere se stessi a mangiare sano si può fare basta solo volerlo fortemente. A dichiararlo è di recente il professore Charles Spence, psicologo sperimentale presso l’Università di Oxford. Ci sono, in effetti, una serie di piccole, ma importanti attenzioni che dobbiamo solamente riuscire ad attivare per cercare in qualche modo di ingannare a fin di bene, il nostro cervello. A sottolinearlo, a quanto pare, è anche il celebre chef Jozef Youssef. Ma quali sono i trucchi che tutti dovremmo adottare? Di certo non seguire le abitudini delle forze speciali russe.

Come prima cosa per convincere noi stessi a mangiare sano dovremmo cercare di consumare il pasto in un luogo tranquillo e silenzioso. In un certo senso il nostro organismo deve trovarsi in uno stato di assoluto benessere mentale. Per fare questo è, allora, assolutamente necessario spegnere non solo il cellulare, ma anche la televisione. Possiamo, invece, decidere di tenere come sottofondo una musica dolce e rilassante che ci accompagnerà nel nostro momento culinario. Come seconda cosa da non sottovalutare è fondamentale riuscire a gustare tante cose, ma in piccole quantità.

Ed ancora se si intende davvero convincere il cervello a mangiare sano è necessario cercare anche di masticare e deglutire lentamente. Più si avrà, infatti, il boccone in bocca e più si avrà la sensazione di sentrirsi prima sazi. Questa sorta d’istruzione messa in atto dalla collaborazione del professore Charles Spence e dello chef Jozef Youssef sembra proprio che stia dando molti più risultati rispetto ad una dieta serrata. Si tratterebbe nello specifico di una fusione perfetta tra gastronomia e psicofisica. Si parla anche dell’illusione ottica di Delboeuf.

A che cosa ci riferiamo nello specifico? Due quantità identiche di cibo fanno la differenza per il nostro cervello se poste in un piatto grande oppure in uno piccolo: è chiaro che il secondo, infatti, riempiendosi subito è come se portasse a convincere il nostro cervello che la porzione che ci è davanti sia enorme. Anche le posate hanno un loro peso nell’ingannarci aiutandoci di conseguenza a mangiare sano: i piatti, le forchette o ancora i cucchiai pesanti è come se creassero da subito un grande senso di sazietà. La Kitchen Theory del professore Spence e dello chef Youssef si possono vedere ed ascoltare sul canale Youtube, dove vengono continuamente caricati numerosi ed interessanti video sull’argomento.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati