0, 0, 1, 0, 2, 0, 0 trend

Come fare il trapasso moto

Come fare il trapasso moto? Scopriamo insieme tutti i dettagli riguardo questa pratica che si effettua durante l'acquisto o la vendita di un motoveicolo

Fonte: flickr

Come fare il trapasso moto? Questa pratica, conosciuta anche come passaggio di proprietà, è decisamente importante durante la fase di acquisto o di vendita di un motoveicolo, o di un mezzo di locomozione in generale, dal momento che mediante questo processo si cambia il proprietario del veicolo venduto o acquistato, redigendo un nuovo certificato di proprietà e l’aggiornamento della Carta di Circolazione; in questo modo la motorizzazione civile avrà i dati riguardanti la moto aggiornati. La pratica risulta essere di facile compimento, brevemente verranno illustrate tutte le informazioni essenziali utili a fugare ogni dubbio.

Per quanto concerne i motocicli è necessario precisare che durante la fase di vendita o acquisto di tale tipologia di veicolo è necessario comunicare alla motorizzazione civile che la moto cambierà proprietario. Per questo è necessario stilare un atto di vendita dove venga attestata l’effettiva vendita del veicolo; tale procedura può essere fatta solamente compilando il retro del modello denominato NP-1B, nella sezione T. Una volta fatto questo è possibile procedere alla realizzazione della domanda di trapasso, che potrà essere realizzata mediante un apposito modello, ossia il TT2119.

Per fare in modo che tutto vada a buon fine sono necessari una serie di documenti molto importanti, ossia una copia del foglio di circolazione del veicolo, il certificato di proprietà precedentemente citato, un atto di vendita che deve essere autenticato necessariamente secondo le normative vigenti, alcune fotocopie della carta d’identità (3) e del codice fiscale del venditore e dell’acquirente. Infine è necessario fare una serie di versamenti di importo differente, uno da 10,20 euro sul conto corrente numero 9001, uno da sedici euro sul conto numero 4028 e un altro di circa 59 euro intestato all’ACI.

A questo punto, una volta fatti questi documenti di assoluta importanza, si dovrà procedere alla richiesta di un nuovo certificato di proprietà del veicolo per l’acquirente, che verrà fornito alla Motorizzazione civile e all’aggiornamento della carta di circolazione. Per quanto concerne i ciclomotori invece non è necessario presentare tutta questa documentazione, eccezion fatta per la richiesta di sospensione del ciclomotore per passaggio di proprietà. Questa procedura permette all’acquirente del veicolo di associare una nuova targa e comunicare il passaggio di proprietà .

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook

vedi tutti