Come pulire la piscina : 10 semplici consigli

Chi ama avere un giardino con piscina annessa, deve anche darsi da fare per mantenerla pulita. Ecco alcuni semplici consigli su come pulirla

Mantenere sempre perfettamente una piscina non è affatto un’impresa semplice, ma se effettuata con regolarità sarà più facile di volta in volta. La cosa fondamentale è munirsi di tutti gli attrezzi utili per eseguire efficacemente il tutto. Si possono utilizzare robot per aspirazione o aspiratori idraulici, ma bisogna prestare attenzione anche alla manutenzione e pulizia regolare dei filtri, non basta solo aggiungervi il cloro. Da non dimenticare poi anche la parte superficiale, le scalette e le pareti. Sono tutte componenti fondamentali da mantenere pulite.

Primo step: pulizia della superficie

Il primo step nella pulizia di una piscina è quello relativo alla sua superficie. La cosa fondamentale è quindi quella di aspirare tutto ciò che si deposita sulla superficie dell’acqua. In questo modo avranno maggiore efficacia anche i prodotti chimici utilizzati per prevenire la formazione di alghe o funghi. Il primo strumento di cui attrezzarvi sarà un’asta telescopica che userete per retini e spazzole, in modo tale da accertarvi che ogni angolo venga ripulito alla perfezione. La superficie dell’acqua, una volta ripulita, potrà aiutarvi nel lavoro di filtrazione. Per farlo, vi basterà avere un retino, insieme all’asta telescopica, come già indicato, per raccogliere tutto ciò che si sia depositato, come foglie ma anche insetti ed altro.

Il retino

Per quanto riguarda il retino, potrete scegliere voi se utilizzare uno a sacco oppure piatto. In realtà, quelli piatti sono molto più efficaci e veloce poi da svuotare, soprattutto quando si tratta di togliere le foglie. Se non volete star lì a perdere troppo tempo e preferite velocizzare i tempi di pulizia, riducendo anche la fatica, potete acquistare un retino radiocomandato. Fate anche attenzione alla pulizia delle scalette della piscina, per evitare che con il tempo si depositino le incrostazioni, difficili poi da togliere.

Anche le pareti potrebbero richiedere maggiore attenzione, poiché spesso è proprio negli angoli che si depositano le alghe. Per rimuoverle, potreste usare delle spazzole e prodotti chimici specifici, che aiutino anche a contrastarle. Altro punto critico è anche la linea dell’acqua, perché qui si depositano sostanze che solitamente derivano da creme solari o altri prodotti.

Aspiratore per impurità

Altro step importante per mantenere pulita la vostra piscina è quello di aspirare tutte le impurità che si siano depositate. In questo procedimento potete scegliere se utilizzare un pulitore automatico oppure uno manuale. Quello automatico, chiaramente, vi consentirà di risparmiare tempo, poiché si può anche programmare e lasciarlo agire senza fatica da parte vostra. E’ anche possibile usare un pulitore idraulico, simile a quello manuale, che agisce sul fondo della piscina per risucchiare eventuali detriti. Questo tipo di pulitore funziona grazie alla potenza dell’acqua immessa nella piscina, creando così un vortice che solleva i detriti e li trasferisce in una sacca..

Pulizia del filtro

Molto importante è anche la pulizia del filtro perché la vostra piscina sia sempre pulita. tutto ciò che dovrete fare, sarà effettuare dei frequenti contro lavaggi, oppure sostituire le cartucce con regolarità. Fondamentale anche valutare il livello di equilibrio chimico, presenza di cloro, vi sia nell’acqua della piscina. Sono tutte cose fondamentali, insieme alla manutenzione regolare, che permettono di garantire il massimo dell’igiene.

TAG:

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti