Copyright: Google sarà libera di scansionare milioni di libri

Copyright, Google Books vince la battaglia contro editori e autori e può continuare a scansionare i libri: lo ha deciso la corte suprema

Fonte: flickr

Copyright, Google Books finalmente raggiunge il suo obiettivo. Sono passati ben dieci anni da quanto la vicenda ha avuto inizio, ma alla fine, a colpi di documenti e carte bollate, il colosso della Silicon Valley ne è uscito vincitore. La corte suprema americana ha infatti dato il via libera alla digitalizzazione dei libri senza incorrere in problemi legati ai diritti. Nonostante le proteste degli autori, i giudici hanno valutato primario l’interesse pubblico legato alla conoscenza. Una decisione epocale che ha fatto e farà discutere ancora a lungo visto che non mancano le proteste anche tra chi sostiene la cultura libera.

Quello dei libri è uno dei campi in cui Google ha deciso di rivolgere il suo interesse una dozzina di anni fa. Il più famoso motore di ricerca del mondo, infatti, non è specializzato soltanto nel riprodurre mappe o riportare liste di link, ma ha da tempo stretto accordi con molte biblioteche per digitalizzare le opere che sono state raccolte. Il progetto prende piede e coinvolge biblioteche sempre più prestigiose. A questo punto arrivano anche le reazioni di protesta da parte di autori ed editori che non vogliono cedere i copyright a Google Books.

Nel 2005 parte la battaglia in tribunale con Authors Guild da una parte e Google Books dall’altra. Dopo un accordo saltato nel 2011, nel 2013 la prima sentenza ha dato ragione a Google. Gli autori hanno quindi fatto ricorso e anche in appello la battaglia dei copyright è di Google Books. L’ultimo tentativo, gli autori l’hanno effettuato con la corte suprema, ma ora anche questa sentenza è stata a favore di Google. Dopo le sue incursioni in diversi campi, tra cui quello della medicina, è ora definitivamente autorizzato a digitalizzare i libri.

Attualmente con Google si può fare e organizzare di tutto. Ma ora che ha digitalizzato venti milioni di libri sembra inarrestabile. Non mancano però le perplessità anche di chi si conferma a favore della cultura libera. Andrea Zanni, ex presidente di Wikimedia Italia, pone dei dubbi sulla questione, ipotizzando che Google, se volesse un giorno impedire l’accesso a tutto il sapere, potrebbe utilizzarlo esclusivamente per un proprio vantaggio competitivo. Delegare un patrimonio della cultura, di quest’ampiezza, è un rischio da non sottovalutare in quanto consiste in una sorta di delega alla cultura. Nonostante la decisione della corte suprema americana, la vicenda lascia degli interrogativi.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti