Viaggi

Cosa fare in vacanza a Sarajevo, capitale della Bosnia Erzegovina

Un viaggio nell'affascinante Sarajevo, città dal passato cruciale per la storia d'Europa: cosa vedere, eventi in programma e quando andare

Fonte: pixabay

Sarajevo sorge in posizione molto elevata ed è una città europea situata nella parte centrale del territorio della Bosnia Erzegovina. La bellissima capitale, oltre a essere divisa in due parti dal piccolo fiume Miljacka, ha un numero di abitanti altissimo: ben 750 mila. Questa città dell’est europeo è ricordata da tutto il mondo per essere il paese che ha vissuto uno degli episodi più importanti della storia dell’umanità e della prima guerra mondiale, ovvero l’attentato a Francesco Ferdinando.

 

Ma di grande rilievo è anche la sua storia nella seconda guerra mondiale, che l’ha vista diventare una delle città della ex Repubblica Socialista della Jugoslavia. Durante la permanenza nella Repubblica comunista venne attaccata dai serbi, che rasero al suolo gran parte della città: molti resti sono oggi ancora visibili, soprattutto sulle facciate del Museo Nazionale e la Moschea Gazi Husrey Bag.

Attrazioni principali

Tra i più importanti luoghi d’interesse a Sarajevo troviamo: la Biblioteca Nazionale, La casa Turca e il Ponte Latino. Ma anche il Quartiere Turco, che prende il nome di Bascarsija ed è una delle attrazioni più visitate della capitale grazie alla sua natura: un paese all’interno del paese, ricco di colori e folcloristico a tal punto che non può non attirare gli sguardi dei visitatori. Da segnalare sicuramente anche il mercato di Sarajevo, situato nel cuore della città, ottimo per rifornirsi di prodotti genuini e tradizionali, che è anche un luogo adibito al ricordo e alla memoria delle vittime di un’esplosione del 1994, avvenuta proprio in questo mercato, che fece numerosi morti.

Suggestive e, a loro modo romantiche, sono le “rose di Sarajevo“, ovvero degli scavi creati da una granata che ha conferito loro una forma molto simile al bellissimo fiore. Infine, tra le numerosi attrazioni, vi ricordiamo di andare a visitare il Viale dei Cecchini. Luogo di grande storicità per la capitale, è ricordato tristemente in quanto proprio dai palazzi di questo viale, i cecchini si stanziavano per sparare ai bambini che tentavano di scappare dalla guerra, conclusa poi nel 1995.

 

Eventi e fiere

Per questo 2016 le fiere a Sarajevo sono numerose, tra queste vediamo la Sarajevska Zima, che avrà luogo fino al 21 marzo, è totalmente dedicata all’arte: dalla musica, alla letteratura e alle arti visuali. Dal primo al 31 luglio invece il magico evento delle Notti Bascarsija, dove potersi immergere nella musica classica, che precede di qualche mese l’evento di ottobre, nato per celebrare le opere e i talenti teatrali e che prende il nome di Festival Internazionale del Teatro. Infine, a novembre, il Sarajevo Jazz Festival.

Cosa fare la sera

Particolari, inusuali per l’arredo e tradizionali. Sono questi gli aggettivi da dedicare ai locali che potrete visitare durante la vostra permanenza nella capitale della Bosnia Erzegovina. City Pub è uno dei primi nomi che vi consigliamo, seguito dal Club Sloga e Caffe Bar Quadro.

Impossibile non citare l’Hemingway Lounge bar, un locale eccezionale per passare le vostre serate, accogliente e particolare nell’arredo, di carattere piuttosto minimal, molto elegante e totalmente white. Frequentato dai giovanissimi propone cocktail veramente buoni ed eventi interessanti.

Quando andare

Quando ci chiediamo quale sia il periodo migliore per visitare una città dobbiamo sempre tenere in conto il clima. La Bosnia è un paese con grandi escursioni termiche tra il giorno e la notte. Essendo il clima continentale, ha tipicamente inverni gelidi e mesi estivi caldi. Consigliamo, in definitiva, i mesi di luglio e agosto, periodo in cui la temperatura arriva fino a 26 gradi.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati