Sport

Dente avvelenato per Pjanic: è ancora guerra Roma-Juve

Un nuovo obiettivo di mercato mette di fronte le due società, decise ad accaparrarselo.

I tifosi della Roma sono ancora inferociti con Miralem Pjanic per aver acconsentito al trasferimento alla Juventus, abile ad affrettarsi a pagare la clausola rescissoria.

Tra i due club non corre buon sangue anche per la rivalità sportiva che negli anni è cresciuta a colpi di goleade, gesti con le mani, sfottò e lotte per lo scudetto. Come se non bastasse il bosniaco, ora c’è un altro obiettivo di mercato destinato a far scornare giallorossi e bianconeri (freschi di addio a Morata): si tratta di Mehdi Benatia.

Il difensore marocchino è ormai ai margini del progetto del Bayern Monaco: con l’avvento di Carlo Ancelotti sulla panchina, i bavaresi si sono ulteriormente tutelati con l’acquisto di Hummels dal Borussia Dortmund e per Benatia di spazio pare non essercene più.

Da qui nascono la volontà di andarsene e le velleità di comprarselo: sia alla Roma che alla Juventus serve un difensore di peso, per rinforzare il reparto arretrato e per poter far rifiatare tutti ciclicamente senza preoccupazioni per eventuali riserve non all’altezza.

Un’ulteriore complicazione però arriva proprio dai tedeschi, che non vogliono sentir parlare di prestiti o soluzioni poco fruttuose: Benatia se ne può andare solamente a titolo definitivo, senza sconto alcuno, o al massimo – ma sempre a condizioni vantaggiose – il Bayern potrebbe accettare (anche se di malavoglia) un prestito con obbligo di riscatto.

In ogni caso si prospetta un’asta al rialzo che non è detto non coinvolga altre società europee da qui alla fine della finestra di mercato estivo: insomma, in ogni caso i bavaresi ne usciranno con il portafoglio gonfio.

Se eventualmente finisse alla Roma, per Benatia sarebbe un ritorno, visto che ci ha già giocato per una stagione collezionando 37 presenze e 5 reti; invece lascerebbe il Bayern Monaco dopo 46 presenze e 3 reti.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati