Lifestyle

Disposizione casa feng shui: metodi per arredare le stanze

Arredare la nostra casa seguendo l’antica arte orientale feng shui favorisce un flusso positivo di energia e garantisce armonia per l’ambiente

Il feng shui è un’antica arte taoista cinese. Essa prende spunto dalla geomanzia, dalla psiche e dall’astrologia ed è applicata all’architettura. Le teorie del feng shui vengono applicate per la scelta e l’arredamento dei propri spazi abitativi: l’obiettivo principale è il raggiungimento della perfetta armonia, garante di serenità, salute e pace.

Prima di procedere all’arredamento delle singole stanze è fondamentale attuare il processo di decluttering. Esso consiste nel liberarsi delle cose superflue che, secondo il feng shui, ostacolo il passaggio di energia. L’ordine è dunque la prima regola del feng shui, dopodiché vanno scelti i materiali adatti per l’arredamento: materiali naturali come pietra, legno e metallo garantiscono un maggiore equilibrio tra l’interno della casa e l’ambiente esterno.

Feng Shui per la camera da letto

Secondo la filosofia feng shui la camera da letto deve essere il più lontana possibile dall’ingresso. Per le persone anziane è consigliata la collocazione a ovest, mentre i bambini dovrebbero avere la loro stanza rivolta a est. Il letto non deve essere rivolto né con la testiera né con i piedi verso la porta e dovrebbe essere collocato possibilmente nell’angolo opposto all’entrata.
Fondamentale è anche la scelta dei mobili: sono preferibili mobili con angoli arrotondati, evitando così di rivolgere spigoli verso il luogo di riposo. Vanno evitati gli specchi in quanto potrebbero ostacolare il sonno; è dunque consigliabile collocare gli specchi all’interno dell’anta dell’armadio. Il colore più efficace all’interno della camera da letto è il blu e il verde.

Soggiorno, bagno e cucina

Il salotto ideale del feng shui è di forma quadrata. Di fondamentale importanza è la collocazione del divano. Esso va posizione radente al muro in modo da coprire le spalle di chi sia seduto e possibilmente lontano da porte e finestre. Ai lampadari sono preferibili le candele naturali. Il bagno, invece, ha una collocazione più libera all’interno della casa, a patto che non sia vicino alla cucina. I sanitari devono essere bianchi mentre muri e piastrelle possono essere color pastello.

Sicurezza e tranquillità sono le parole chiave per l’arredamento della cucina. La porta non deve mai essere alle spalle di chi cucina e i fornelli non devono sottostare alla finestra e vanno tenuti in ordine. È inoltre importante distanziare il forno dal frigorifero e dal lavello. Il tavolo, se possibile, va collocato in sala da pranzo ed è preferibile averne uno in legno e con gli angoli arrotondati.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati