Imperdibili

E' vero che fumare blocca lo sviluppo? Adolescenti a rischio

L'abitudine di fumare rappresenta uno dei rischi più grandi e diffusi per la salute e sarebbe perciò consigliabile riuscire a fare a meno di questo pericoloso vizio

Al mondo d’oggi il fumo è senza dubbio uno dei temi più discussi in ambito sia sociale che medico. Il fatto che l’abitudine di fumare rappresenti un grande rischio per la salute è un dato che ormai è stato ampiamente dimostrato in ambito scientifico, così come sono stati chiariti tutti i danni che comporta agli organi e ai tessuti del corpo. Secondo il parere di molti medici il fumo, specialmente se associato ad una scorretta alimentazione , è in grado di diminuire la vita di un individuo di circa dieci anni, a causa delle migliaia di sostanze che vengono introdotte nell’organismo e in particolare nelle vie respiratorie.

Il dato che risulta più allarmante, però, è che negli ultimi anni gli adolescenti sembrano più propensi degli adulti a fumare e numerose sono le domande che genitori e medici si sono posti per capire quali siano i rischi più grandi che questa abitudine può provocare per la loro salute. Il primo grande punto interrogativo è se fumare possa bloccare la crescita in età adolescenziale e i medici sono in grado di fornire oggi adeguate risposte in proposito. Nonostante il fumo sia la causa primaria di malattie in particolare a danno dei polmoni , dalle ricerche scientifiche fino ad ora non sono emerse conferme che esso possa bloccare in modo vero e proprio la crescita negli adolescenti.

I danni che il vizio di fumare può causare in una età così delicata, però, sono degni di attenzione in quanto è stato dimostrato che il fumo può in primis provocare una ridotta ossigenazione nel sangue, la quale comporta: a) pesanti ripercussioni a livello cerebrale; b) disfunzioni sessuali; c) prestazioni sportive e fisiche in generale di basso livello. Tutti dati questi che in un certo modo influiscono sulla qualità della crescita, per non parlare poi dei danni a carico di polmoni, di pelle e capelli e della compromessa qualità del sonno .

Smettere di fumare il prima possibile, o meglio ancora non iniziare a farlo, sono le soluzioni più semplici ai nostri dubbi. Sarebbe consigliabile per i genitori parlare apertamente con i figli adolescenti e spiegare loro i rischi a cui possono andare incontro, senza rimproverarli e parlando loro con la massima calma. Occorre spiegare loro che non è la loro crescita ad essere in pericolo ma, piuttosto, il modo in cui avverrà. Sono molte le complicanze che potrebbero insorgere e causare dei danni talvolta irreparabili.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati