Ecco cosa pensa "Striscia la Notizia" di Insinna in politica

Striscia la Notizia risponde a Flavio Insinna dopo le dichiarazioni sulla volontà di entrare in politica

Flavio Insinna dichiara di voler entrare in politica e Striscia la Notizia risponde a tono. Continua il duello a distanza fra il tg satirico e il presentatore. L’ormai ex conduttore di Affari Tuoi e Antonio Ricci sono ormai ai ferri corti e continuano a lanciarsi accuse e dichiarazioni.

Dopo l’intervista di Flavio Insinna al Corriere della Sera in cui affermava di voler lasciare la tv e magari entrare in politica, la redazione di Striscia la Notizia ha deciso di rispondere con un comunicato stampa.

Antonio Ricci ha risposto punto per punto alle accuse del conduttore, a partire dalla polemica sul “femminicidio”. “Insinna polemizza con l’uso del termine “femminicidio” – si legge nella nota diffusa da Striscia -, ma evita di ammettere un fatto molto facilmente verificabile, basta andare a pagina 88 del suo libro Neanche un morso all’orecchio (Mondadori), dove si legge del suo odio per l’infermiera della terapia intensiva dov’è ricoverato il padre, e che lui minaccia, appunto, di femminicidio: «Brutta nana st***za… se provi a denunciarmi io domani torno e ti ammazzo con le mie mani». È stato lui a scrivere quelle parole e a confermarle in un’intervista, non qualche suo nemico”.

Striscia la Notizia ha poi affermato che l’ideatore del programma non ce l’ha affatto con lui, come ha affermato Insinna nell’intervista, per via degli ascolti. “Insinna sostiene che Antonio Ricci  – spiega la redazione del tg satirico – ce l’avrebbe con lui perché ha avuto «l’ardire di condurre un programma che andava in onda nel suo stesso orario». Non dice però che Striscia ha sempre avuto dei competitor, da Enzo Biagi a Simona Ventura, da Antonella Clerici a Fabrizio Frizzi, da Pupo a Max Giusti fino ad Amadeus, ma con nessuno c’è mai stato alcuno screzio, forse perché si è sempre trattato di brave persone”.

Infine non poteva mancare un commento sulla volontà di entrare in politica espressa da Insinna: “Ci sarebbe da domandarsi  – conclude Striscia – come mai il Corriere della Sera non abbia ritenuto opportuno riproporre a Insinna quelle domande che il Gabibbo gli aveva posto due anni fa proprio dalle pagine del Corriere e che non hanno mai avuto risposta. Non vorremmo che ci fosse una qualche forma di malinteso rispetto nei confronti di Insinna da quando ha minacciato di entrare in politica, magari perché una persona doppia come lui si troverebbe perfettamente a suo agio in quel mondo”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti