Imperdibili

Ecco perché nuotare ti fa venire fame

Avete fame dopo un po' di nuoto? Non siete i soli. Gli spuntini dopo essere usciti dall'acqua sono necessari e sostenuti dalla scienza

Fonte: Flickr

Il nuoto provoca fame perché brucia calorie, come qualsiasi altra attività fisica, e la conseguenza diretta del fare sport è quella di indurre il corpo ad aumentare la produzione di grelina, un ormone che causa la fame. La persona è stimolata ad ingerire un cibo con lo stesso apporto nutrizionale di quello che ha appena bruciato. L’esercizio fisico intenso può avere un effetto di contenimento temporaneo dell’appetito, ma la maggior parte delle persone non nuotano così seriamente da poter sperimentare questa conseguenza. Infatti solitamente si è affamati non appena si emerge dall’acqua.

Il nuoto non è solo un allenamento per i polmoni, il cuore e i muscoli, ma obbliga il corpo a fare un lavoro supplementare per mantenere costante la temperatura del proprio fisico, che si trova immerso nell’acqua a far fronte ad uno sbalzo termico consistente. Si tratta di un principio simile a quello per cui si bruciano più calorie d’inverno per il semplice fatto di essere all’esterno. La massa corporea infatti è costretta ad utilizzare le sue riserve di grasso, deve accelerare il tasso metabolico per cercare di rimanere al caldo e far arrivare il flusso di sangue alla pelle.

Diversi studi, tra cui uno presso l’Università della Florida, hanno mostrato una correlazione tra nuoto in acqua fredda ed il fatto che se ne esca con la fame (nonostante la differenza di calorie bruciate tra un bagno di acqua fredda e uno in acqua calda è trascurabile). In breve, più è grande il freddo che si prova quando si esce dalla piscina, più è probabile che si cerchi di fare immediatamente uno spuntino. Uno studio del 1999 ha dimostrato che l’esercizio fisico ci rende particolarmente suscettibili ai cibi salati e spiegherebbe il motivo della necessità di mangiare degli snack, come le patatine fritte, dopo essere stati in acqua.

Naturalmente, l’effetto che il nuoto ha sull’appetito non ha nulla a che fare con la sua efficacia come forma di esercizio, che risulta essere una delle migliori che ci siano. È ideale infatti per quelle persone che cercano di mantenersi in forma senza far sottostare il proprio corpo a sforzi troppo grandi ed impegnativi. Ma se lo scopo è quello di dimagrire facendo una dieta e non si vuole eccedere con il cibo, si può evitare di mangiare gli spuntini del dopo nuotata facendo una camminata veloce, per aumentare la propria temperatura corporea, e permettere all’epidermide di scaldarsi senza bruciare calorie.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati