Imperdibili

Festival di Cannes, Amazon presente con 5 film in concorso

Amazon entra da protagonista al Festival di Cannes, occupandosi della distribuzione di ben cinque film in programma per l'edizione numero 69 della kermesse

Fonte: flickr

Amazon sbarca in passerella a Cannes. La sessantanovesima edizione del Festival del cinema, in programma dall’ undici maggio, è caraterizzata da una novità che non passerà inosservata per gli addetti ai lavori: Amazon si occuperà della distribuzione nelle sale cinematografiche di ben cinque film.
I film in questione sono “The Neon Demon” di Nicolas Winding Refn, “Paterson” di Jim Jarmusch e “The Handmaiden” di Park Chan-wook, “Gimme Danger” di Jarmusch, documentario fuori concorso dedicato a Iggy Pop, ma soprattutto in maniera significativa sarà distribuito da Amazon il film di Woody Allen che aprirà il Festival di Cannes, “Cafe Society”.

E’ probabile che questa entrata in scena del colosso del e-commerce passerà invece inosservata per il pubblico in quanto, come sottolineato dal direttore del festival Thierry Fremaux, Amazon si impegna a distribuire i film in questione prima nella sale e solo successivamente in streaming. Vengono così stoppati almeno in parte i malumori e i mugugni degli addetti ai lavori, che vedono nell’ entrata di Amazon un rischio per il cinema d’autore. Ma le preoccupazioni degli amanti del cinema d’essai possono essere smorzate dall’evidenza: Amazon, come Netflix, è una realtà commerciale interessata al cinema di qualità e lo dimostra la sua presenza attiva all’ultimo Sundance Film Festival, dove ha comprato i diritti di distribuzione di film non certo destinati a diventare dei blockbusters.

I fatti rendono leciti interrogativi meno angosciosi in chi ama il cinema, ad esempio ci si potrebbe interrogare sull’ effetto che a lungo termine avranno le serie tv sia sulla dimensione estetica che sulla struttura narrativa dei film. Essendo Amazon e Netflix produttori di serie tv di notevole successo cercheranno di avere influenza sul processo creativo dei registi, suggerendo strategie per rendere i film più appetibili ad un pubblico di consumatori compulsivi di serie TV? Ma non è ancora arrivato il momento di rispondere a queste domande, né di preoccuparsi seriamente.

Per ora c’è da godersi il prossimo Festival di Cannes, che come ogni anno sarò ricco di novità e di polemiche. Aspettiamo con curiosità di vedere l’ ultima fatica di Pedro Almodóvar che potrebbe valergli la Palma d’Oro così come l’ ultimo lavoro da regista di Jodie Foster, che si presenta con il film “Money Monster”.
Fin quando sentiremo ancora la necessità di goderci la sfilata su un tappeto rosso delle stelle del cinema che amiamo la realtà in diretta avrà la meglio su qualsiasi forma di streaming in differita.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati