Gik, il vino blu che fa impazzire il Giappone

Gik è il primo vino blu al mondo. Ideato in Spagna, non piace agli europei, ma sta facendo impazzire il Giappone

Fonte: Twitter

Dalla Spagna arriva il primo vino blu. Si tratta di un alcolico denominato Gik e creato da una start up nel 2016. “Per ideare questo prodotto sono stati necessari due anni di ricerca – hanno spiegato i creatori – in stretta collaborazione con diversi istituti tecnologici legati al settore dell’alimentazione”. Per ottenerlo sono state mescolate insieme uve bianche e rosse, in una quantità non specificata, utilizzando le varietà Airén, Syrah e Garnacha.

Le vinacce non sono state macerate e non hanno subito un invecchiamento in botte. Il colore blu come si ottiene? Semplicemente dopo la fermentazione, vengono aggiunti alla preparazione dei coloranti organici: le antocianine, che si trovano nella buccia dell’uva e presentano un colore che varia dal blu al rosso, e l’indaco che conferisce la sfumatura azzurra al vino.

“Grazie alla varietà di uve utilizzate – hanno spiegato gli ideatori di Gik – riusciamo a ottenere un vino fresco e dolce al palato, senza zuccheri aggiunti, con l’11,5% di alcol in volume”. Secondo gli esperti il vino deve essere servito ad una temperatura di 8 gradi e assaporato insieme a salmone affumicato o sushi, ma anche nachos con guacamole. Chi l’ha provato assicura che sarebbe perfetto anche con i cibi italiani, in particolare la carbonara.

“Ci piacerebbe entrare molto presto anche nel mercato italiano – hanno rivelato i creatori del vino blu -. Altri colori? No, al momento ci stiamo focalizzando sul blu. Un colore che significa tecnologia, fluidità e anche un pizzico di poesia. Bere Gik non è soltanto bere un vino blu: è sorseggiare innovazione, creatività, infrangere le regole e reinventare le tradizioni”.

A causa del suo colore per ora Gik non è stato riconosciuto come vino. Mentre in Europa il successo è stato piuttosto scarso, sembra che in Giappone e Cina sia andata meglio. “Noi non siamo vignaioli – hanno commentato i creatori della bevanda -. Noi siamo creatori. Abbiamo cercato il più vecchio, polveroso e mentalmente chiuso dei settori fuori di qui. Dopo aver scelto l’industria del vino come campo di battaglia, abbiamo creato un prodotto radicalmente diverso”.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti