Tech

Giphy, cos'è e come funziona il motore di ricerca delle gif

Giphy: capire cos'è e come funziona il motore di ricerca delle Gif in pochi e semplici passaggi

Giphy è un sito web nato nel febbraio del 2013 dall’idea di Alex Chung di far risorgere le vecchie e amatissime GIF (Graphics Interchange Format) create nel 1987 dall’ingegnere Steve Wilhite. Dalla nascita a oggi, Giphy ha raggiunto dei risultati molto soddisfacenti per una startup priva di un piano generatore di ricavi.

La piattaforma Giphy è un sito web che raccoglie e permette di creare e condividere le immagini create dagli utenti. Oggi si può scaricare anche sullo smartphone attraverso un’ app. La condivisione può avvenire sui principali social network, tra cui: Facebook, Twitter, Tinder e Slack.

Il funzionamento di Giphy è molto semplice e intuitivo. Si effettua l’accesso alla piattaforma, si cerca l’immagine animata desiderata, si carica e poi si condivide. Utilizzando Gifmaker è possibile creare un video animato da poter ritagliare, incollare, inserire il testo e ovviamente condividerlo sul social desiderato (twitter, facebook, tinder etc.).

Il 16 febbraio del 2016 la piattaforma ha raggiunto un valore di circa 267 milioni di euro, grazie anche a un finanziamento di circa 55 milioni di dollari. La sempre più crescente popolarità di questo motore di ricerca, è principalmente dato dal fatto che le GIF sono un ottimo modo per comunicare.

In principio sono state create e usate per consentire di mostrare brevi video in formato leggero e adatto alla velocità delle connessioni del tempo. Oggi svolgono la fuzione di reazione. Si sostituiscono a punteggiatura, emoticon, emoji per dare un’opinione e una sensazione che con la scrittura sarebbe impossibile trasmettere.

Durante l’ultima edizione del festival South by Southwest , un genitore ha ringraziato l’amministratore delegato nonchè fondatore di Giphy Alex Chung, perchè grazie a queste GIF è riuscito a far comprendere e riconoscere le espressioni facciali a suo figlio autistico.

Come è già stato affermato in precedenza, questo motore di ricerca per Giphy non trae nessun profitto dalla creazione delle GIF ad opera degli utenti registrati. Ciò probabilmente avviene, spiega Chung, perchè la piattaforma non si basa sull’idea di profitto tipica delle startup americane che hanno a che fare con la tecnologia.

Il fatto che la sede sia a New York e non in California è uno dei motivi della mancanza di lucro. Sono state assorbite le idee delle aziende californiane ma sono stati presi anche i tratti più umanistici della costa orientale Newyorkese.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati