Google noleggia dromedari per portare Street View nel deserto

Google ha deciso di noleggiare alcuni dromedari per portare Street View anche nel deserto, regalando ai suoi internauti un’esperienza unica

Street View è riuscito ad arrivare ovunque, persino nel deserto, dove è giunto grazie ai dromedari.  Trekker, la famosa videocamera di Google che può girare filmati a 360 gradi, è finita sul dorso di un dromedario, per riprendere al meglio la meraviglia del deserto.

Dopo essere stata montata su macchine, navi, biciclette e motoslitte per raccontare il mondo intorno a noi, la Trekker ha scelto l’unico mezzo di trasporto possibile nel deserto. L’obiettivo di Street View questa volta è davvero grandioso: immortalare e riprodurre su Google Maps gli infiniti paesaggi e i luoghi mozzafiato del deserto, uno degli angoli più belli e inviolati del nostro pianeta. Il luogo scelto è, per la precisione, il deserto di Liwa, situato negli Emirati Arabi Uniti, a circa 200 chilometri da Abu Dhabi.

Grazie ai cammelli e alla sua ipertecnologica telecamera, Google Street View consentirà  di effettuare un tour virtuale del deserto di Liwa. Seduti comodamente a casa e guardando lo schermo del pc, gli internauti  potranno intraprendere un viaggio attraverso le infinite distese desertiche, con la sabbia dorata accarezzata dai monsoni, le dune alte oltre 40 metri e l’oasi verde di Liwa, la più vasta della penisola arabica. Ma non è finita qui, visto che il tour avverrà da una prospettiva unica, ossia da un dromedario. In questo modo chiunque entrerà su Street View avrà l’impressione di visitare in prima persona il deserto sulla groppa del dromedario.

“Durante il vostro viaggio virtuale nel deserto,  – ha annunciato Google sul suo profilo ufficiale – troverete dune di sabbia che raggiungono una sorprendente altezza di 25-40 metri. Queste colline ondeggianti sono state le case dei primi colonizzatori durante la fine dell’Età della Pietra, e fanno di Liwa uno dei più antichi siti degli Emirati Arabi Uniti – infine Google ha concluso -. Cerchiamo sempre di adattare il modo in cui catturiamo le immagini all’ambiente in cui ci troviamo. Stavolta questo ci è sembrato il modo più autentico e meno invasivo per farlo”.

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_video@vitv.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti