Imperdibili

I nostri figli non si staccano dai telefonini ed è colpa nostra

Nuovi studi ci dicono che i nostri figli dipendenti dai telefonini prendono molti spunti da noi: non siamo così impotenti, possiamo fare qualcosa

Figli e telefonini: un tema caldo per ogni genitore, il quale quotidianamente vive questo conflitto e perde la pazienza perché diventa difficile gestire situazioni del genere, soprattutto nel momento in cui si ha a che fare con le risposte irritanti dei propri figli. Quando i loro occhi sono concentrati sullo schermo, i ragazzi diventano degli zombie, così risulta una battaglia richiamare la loro attenzione ai compiti o alle faccende di casa: non ne vogliono proprio sapere di andare a dormire e risulta impossibile ottenere una conversazione amichevole.

Se tutto ciò vi suona familiare, un sondaggio effettuato dal gruppo di ricerca Common Sense Media, conferma l’ipotesi: un terzo dei genitori e figli tra i 12 e i 18 anni, quotidianamente discutono per l’utilizzo dei telefonini. Esistono conseguenze causate dall’esposizione prolungata del cervello ai telefonini: le attività multitasking riducono la concentrazione profonda, mentre il poco contatto con gli altri riduce l’empatia. Tuttavia gli studi fino ad ora hanno confermato ciò sugli adulti, ma non sugli adolescenti nei quali avvengono molteplici cambiamenti cognitivi ed emotivi: è come se il loro comportamento fosse in sperimentazione.

Nonostante ciò, è necessario capire ed educare i figli ad un uso responsabile e sicuro dei telefonini: e qui i genitori, contro ogni previsione, hanno un grande potere perchè i bambini prestano molta attenzione a ciò che gli adulti fanno e prendono tanti spunti, soprattutto quando utilizzano dispositivi tecnologici. Infatti secondo alcuni sondaggi, la metà dei figli dichiara che i propri genitori controllano i telefonini troppo spesso, anzi un terzo si sente poco importante proprio a causa di questo.

Gli adolescenti a loro volta ammettono di notare le distrazioni del genitore, osservando comportamenti come l’utilizzo di dispositivi mentre guida . Anche i bambini sono sensibili a queste situazioni: gli psicologi dell’Indiana University, osservando le interazioni durante il gioco tra genitori e figlio, hanno scoperto che gli adulti che spesso distolgono lo sguardo per controllare i messaggi e le email, è più probabile che crescano bambini abituati ad avere attenzioni di breve durata.

Sarebbe opportuna una “dieta multimediale” per tutta la famiglia per ritrovare il valore di una famiglia sana, evitando i conflitti dei nostri figli e telefonini. Un suggerimento per cominciare il cambiamento è quello di preoccuparsi meno di quanto tempo passino i bambini davanti allo schermo, e concentrarsi principalmente sul comportamento da genitore saggio, mostrando loro un uso responsabile dei dispositivi e dando così il buon esempio.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati