Tech

I satelliti possono caderci sulla testa? Occhio ai rifiuti spaziali

I frammenti dei satelliti cadono sempre più spesso sulla Terra. Ricercatori tedeschi stanno effettuando esperimenti per ridurre la pericolosità degli oggetti in orbita

Fonte: flickr

Cosa succede quando i satelliti orbitanti cadono sulla Terra? Gli scienziati dell’agenzia spaziale tedesca (DLR) stanno tentando di scoprirlo attraverso alcuni esperimenti. I ricercatori posizionano gli oggetti da testare all’interno della galleria del vento e li colpiscono con un flusso d’aria che viaggia ad una velocità molto alta, pari a 3.000 chilometri l’ora. L’obiettivo è determinare quali frammenti dei satelliti riescono a raggiungere il suolo.

Il tempo di prova è di soli 0,2 secondi, ma in questo intervallo gli scienziati sono in grado di prendere molte immagini e misurazioni. I dati vengono poi inseriti in modelli informatici per migliorare le previsioni. La tendenza generale è un costante aumento degli oggetti in orbita, favorita da lanci sempre più economici e da satelliti più piccoli, dice Hugh Lewis, docente di ingegneria aerospaziale presso l’Università di Southampton.

I vantaggi offerti dal progetto spaziale sono in aumento, ma la situazione dei rifiuti cosmici sta peggiorando. Il maggior numero di oggetti in orbita, infatti, sta facendo crescere la quantità dei satelliti che cadono sulla Terra. Allo stato attuale esistono più di 500.000 detriti che circondano il nostro pianeta, con dimensioni che variano da qualche centimetro a parecchi metri. Le probabilità di essere colpiti sono, tuttavia, molto piccole.

Nella maggior parte dei casi, i responsabili della missione pianificano l’impatto, utilizzando il carburante rimanente per spingere i satelliti fuori orbita e farli cadere nel mare o nell’oceano. Sono i rientri non pianificati, tuttavia, a suscitare maggiore preoccupazione: anche tenendo conto che il 70% della Terra è coperto d’acqua e che grandi zone del pianeta sono scarsamente popolate, esiste una probabilità su 2.500 che un frammento possa ferire una persona in qualche parte del pianeta.

Dato che più di un milione di individui muoiono in incidenti stradali ogni anno, la probabilità di essere colpiti da un pezzo di un vecchio satellite rimangono molto piccole. È tuttavia un argomento preso in considerazione dai governanti dei Paesi, poiché gli accordi stipulati obbligano la nazione che lancia un satellite ad esempio per il gps, invenzione che ha migliorato la nostra vita, a risarcire eventuali danni. Le agenzie spaziali sono quindi ansiose di ridurre al minimo la pericolosità dei satelliti che cadono sul pianeta.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati