Imperdibili

I serpenti più strani al mondo: caratteristiche e stranezze

I serpenti generano nell'uomo sentimenti contrastanti: in alcuni provocano ribrezzo, in altri fascino. Vediamo quindi i serpenti più strani al mondo

Fonte: Pixabay

Il serpente è un rettile squamato carnivoro. Carico di significati simbolici, esso ha percorso millenni di storia: da simbolo di eterna rinascita, alla celebre incarnazione della tentazione e del peccato, questo rettile ha conquistato un posto di primo piano nell’immaginario collettivo, suscitando al contempo sgomento e attrazione.

Che siano i serpenti più strani del mondo, o i più comuni che la maggior parte delle persone ha avuto modo di vedere, questi animali non lasciano di certo indifferenti. Le loro infinite capacità ne fanno degli animali straordinari tanto da comparire in tutte le mitologie, da quella giudaico-cristiana a quella maya, da quella greco-romana a quella norrena.

Caratteristiche dei serpenti

I serpenti  sono animali a sangue freddo che riescono a spostarsi senza ausilio di arti grazie alle squame sull’addome. si nutrono prevalentemente di piccoli animali come uccelli, topi, uova, insetti ma anche di animali di più grossa taglia. Infatti, una loro caratteristica è quella di possedere una mandibola estremamente flessibile che consente loro di non masticare le prede ma di inghiottirle interamente.

I serpenti uccidono le prede grazie al veleno del loro morso che le paralizza, oppure per stritolamento, come nel caso dei grandi costrittori. Sebbene alcuni serpenti attacchino l’uomo per difesa, non se ne nutrono quasi mai. In Italia, i serpenti velenosi appartengono all’ordine dei Viperidi.

I serpenti più strani

Tra i serpenti  più strani del mondo, figurano senza dubbio alcune specie davvero insolite, da far venire i brividi a tutti coloro che non riescono proprio a tollerarli. Esiste, infatti, un tipo di vipera, detta Vipera Cornuta, che presenta due piccole escrescenze sulla punta del muso. Ancora più terribile è l’Atheris Hispida, altra vipera ricoperta interamente da squame rialzate in modo tale da farla apparire come se fosse ricoperta di spine.

Il Boa Smeraldino è invece un serpente non velenoso, di un verde squillante e prezioso, per non farsi notare nella vegetazione. Totalmente diverso è il Pitone Burmese: nella variante albina si presenta come un rettile di ben 4 metri, bianco dalle screziature gialle intense e dagli occhi piccoli e rossi. Il Langaha Nasuta è uno strano e inquietante esemplare di serpente che ha la particolarità di possedere un muso che si prolunga assumendo l’aspetto di una cresta di gallo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati