Sport

I tatuaggi di Zlatan Ibrahimovic sono scomparsi, ecco il motivo.

Ibrahimovic, per la campagna di sensibilizzazione contro la fame nel mondo, si è tatuato i nomi di persone che soffrono questo problema

Fonte: Instagram

I tatuaggi di Zlatan Ibrahimovic sono scomparsi, ma c’è una ragione ben più grande dietro tutto questo. Il calciatore è apparso di recente in un video postato su Instagram che ha lasciato tutti molto perplessi. Infatti, dal video si nota che i tatuaggi lungo tutto il petto e il ventre sono scomparsi.

Nel video, si vede Ibra palleggiare in spiaggia durante le vacanze a Venice Beach, Los Angeles. Immediatamente si nota la scomparsa dei tatuaggi. Cosa c’è dietro tutto questo? È noto a tutti che durante le esultanze in campo, il giocatore toglie la maglietta per far sfoggio dei suoi tatuaggi. E allora, che fine hanno fatto i tatuaggi?

Zlatan Ibrahimovic e i nomi sul petto

Nella sua stessa biografia, Ibrahimovic ha definito i tatuaggi come “sono una vera droga per me”. Dunque, che fine hanno fatto tutti i tatuaggi? Nella partita della Ligue 1 contro il Cean, Zlatan ha mostrato con orgoglio il suo corpo disegnato. In realtà si tratta di una campagna di sensibilizzazione contro la fame del mondo, di cui lui è portavoce.

La campagna fa parte del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP). I tatuaggi erano 50 nomi di persone che soffrono di fame. Sono stati tatuati in maniera temporanea sul suo petto per portare alla luce i problemi legati alla fame che ancora esistono nel mondo. “Ho avuto 15 tatuaggi removibili sul mio corpo, erano i nomi di persone reali che soffrono di fame nel mondo”.

Il messaggio della campagna

Durante la conferenza stampa Ibra ha detto: “Ovunque vada, la gente mi riconosce, mi chiama per nome, fanno il tifo per me. Ma ci sono dei nomi che nessuno si prende cura di ricordare, dei nomi per cui nessuno fa il tifo: sono quelli degli 805 milioni di persone che oggi soffrono la fame nel mondo”.

La fame nel mondo esiste ancora. In particolare nei paesi in guerra come Siria, Iraq, Sudan, e in paesi colpiti da Ebola come Liberia. WFP sta cercando di combattere questa piaga sociale. Carmen, Mariko, Antoine, Sawsan Chheuy, Lida, Siatta Rahma, Yaaee, sono solo alcuni dei nomi che Zlatan ha sfoggiato per la campagna solidare.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati