Il lato oscuro di Mourinho e il perché di una rottura

Andrè Villas Boas ha raccontato l'esperienza con l'allenatore di cui è stato vice fino al 2009

“Gli anni passati accanto a Mourinho sono stati i migliori della mia carriera”. Lo dice Andrè Villas Boas che ha raccontato l’esperienza con l’allenatore di cui è stato vice fino al 2009. Boas è intervenuto  all’Aspire4Sport Congress in Qatar.

“Da Mourinho ho potuto imparare molte cose e lavorare con lui ti porta a un altro livello. Quando lavori con Mou ti innamori di lui, vuoi essere come lui, sapere tutto quello che sa lui, diventa il tuo idolo – ha raccontato Villas Boas -. Quando le cose cambiano, però, ti rendi conto di essere stato cieco. Lui ha questa affascinante capacità di tirare fuori il meglio di te. Nel mio caso, come risultato della nostra rottura, la conseguenza è stata l’inizio della mia carriera”.

Il rapporto tra i due si ruppe quando Villas Boas decise di accettare l’offerta dell’Acadamica de Coimbra: “Sentivo la necessità di fare qualcosa di più e che era il momento di iniziare la mia carriera da allenatore”. “Ora non ho nemmeno il suo numero di telefono”…

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti