Viaggi

Il Mar Morto e le cure con il sale del benessere

Per una vacanza dedicata alla cura del proprio corpo non può mancare fra le mete il Mar Morto, tappa imperdibile anche per chi vuole semplicemente rilassarsi fra scenari suggestivi

Fonte: google

Meta di turismo e non solo, il Mar Morto è famoso per le sue caratteristiche curative, che donano immediato sollievo a determinate lievi patologie. Prima di spiegarne tutti i benefici, facciamo un passo indietro fino alla sua etimologia. Il suo nome deriva dall’ebraico “Yam HaMelah“, che significa “mare del sale“.

E’ bene precisare, inoltre, che il Mar Morto non è esattamente un mare, bensì un bacino chiuso. È situato tra Israele, Giordania e Cisgiordania, in una depressione tra le più profonde della Terra, che si è originata durante i secoli ad opera dell’evaporazione dell’acqua. Ed è proprio a causa di questo processo e del mancato bilanciamento d’afflusso degli immissari, che il Mar Morto è a rischio prosciugamento.

La salinità del Mar Morto è molto elevata, i numeri parlano chiaro: a 40 metri di profondità corrisponde una salinità di 300 g per ogni chilogrammo di acqua. Anche la sua densità è assolutamente fuori dal comune: 1,24 kg/L! Questo fenomeno rende facilissimo il galleggiamento sulle sue acque e di conseguenza la natazione è difficoltosa.

Com’è composto

Come abbiamo detto, si tratta di un “mare” chiuso, quindi per coloro che si domandano se è effettivamente un lago, abbiamo già risposto: sì. I suoi immissari sono principalmente il Giordano e il Wadi Mujib. A sua volta è diviso nel bacino settentrionale, più profondo, e in quello meridionale, molto meno profondo – anzi, quasi prosciugato, dal momento che non ha mai superato i 2 metri di profondità massima. Il bacino sud è attualmente esistente grazie alla costruzione di un canale artificiale.

Il suo livello di acqua – perlomeno nel bacino settentrionale – si aggira intorno a circa 415 metri sotto il livello del mare, ma questo gap non è destinato certo a rimanere stabile: il livello è in continua discesa, con il timore che il Mar Morto scompaia a breve.

Le cure

Ormai rinomate, quando si parla di Mar morto, sono le cure termali che offre ai visitatori. Particolarmente consigliate a coloro che devono curare malattie della pelle, il Mar Morto è davvero il luogo ideale per chi ha bisogno di dedicarsi in pace alle cure del proprio benessere. Esistono diversi centri medici in zona, i quali grazie a degli attrezzi all’avanguardia, offrono ai clienti trattamenti a base d’acqua mineralizzata, fango nero, ossigenazioni e raggi solari filtrati.

Per psoriasi si usano diversi trattamenti, per la precisione ci si affida ad un graduale incremento dell’esposizione al sole. Questo deve essere abbinato a continui bagni nel mare ed ovviamente all’applicazione di creme ammorbidenti e oli per il corpo, ma anche zolfo e altri composti del genere.
Si tenga presente che ogni programma deve essere avviato dopo un esame clinico e deve sempre essere monitorato da un medico specialista, dal momento che ogni situazione è particolare e non può certamente essere decisa una procedura univoca.

Per gli amanti del semplice benessere, il Mar Morto offre decine di strutture adibite all’accoglienza di clienti in cerca di relax e di una Spa attrezzata. Immersi in uno degli scenari più straordinari del mondo, gli ospiti degli hotel possono beneficiare delle acque incredibilmente calde del Mar Morto e rilassarsi in questa beauty farm a cielo aperto senza pensieri.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati