Sport

Il sogno di Mario Savo: dal Latina al Manchester City con Guardiola

I Citizens lanciano un concorso per diventare analisti del club e collaborare con il tecnico catalano: tra i finalisti c'è anche un italiano

Fonte: Getty Images

La vetrina del calciomercato per il momento se l’è presa tutta il Manchester United del nemico Mourinho. Tra Ibrahimovic e un Pogba ormai in arrivo, i Red Devils sembrano voler fare di tutto per ristabilire la vecchia gerarchia cittadina. Ma dopo anni di inattesa supremazia sui cugini i tifosi del Manchester City non si preoccupano, accontentandosi per il momento degli acquisti di Gundogan e Nolito, oltre a quello in via di definizione di Gabriel Jesus.

Poi, si sa, a prescindere dagli organici, a rubare la scena sarà la sfida tra i due allenatori, che si ripropone dopo gli infuocati anni del Clasico. I primi assaggi di vita comune in Inghilterra hanno confermato i tratti salienti dei rispettivi caratteri: istrionico lo Special One, meno da riflettori Pep, protagonista anzi nelle scorse ore per un paio di simpatiche trovate. La prima porta il nome di un hashtag, difficile già da scrivere: #hackmcfc.

Si tratta di una sorta di talent-show con cui Guardiola si è messo a caccia di collaboratori, offrendo a tutti gli appassionati di calcio con la passione per le analisi statistiche e la gestione dei dati, e ovviamente un minimo di curriculum, la possibilità di diventare membri dello staff tecnico dei Citizens. Il bando è stato un successone: migliaia di candidati, tra i quali ne sono stati selezionati 100, compreso un italiano, Mario Savo, ex collaboratore di Mark Iuliano al Latina.

Il City condividerà con i fortunati i dati di 10 partite della scorsa stagione, tra tiri, passaggi, ammonizioni e chilometri corsi dai singoli giocatori. Chi elabora, in appena tre giorni, il miglior algoritmo vincerà 10.000 sterline, biglietti e maglie omaggio oltre a una collaborazione (da definire…) con il Manchester.

Aspettando i nomi, Guardiola ha avuto un colloquio molto particolare con un tifoso non ancora in… età per partecipare al concorso. Braydon Bent, fan del Manchester City di 7 anni, tra i vincitori dei 5 cinque biglietti-omaggio per visitare la City Football Academy in occasione dell'evento a porte aperte Cityzens Weekend, si è infatti ritrovato sul taxi che lo portava a destinazione nientemeno che in compagnia di mister Pep.

Scena surreale, ma tenera e divertente. Braydon ha però subito vinto la timidezza, mostrando un’insospettata vena da giornalista attraverso una richiesta impegnativa al tecnico: “Visto che sei amico di Messi, non è che puoi convincerlo a venire da noi?". In giorni di clausole folli, perché no.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati