In Abruzzo aprirà la prima fontana di vino permanente

Tra poco sarà inaugurata la fontana di vino, primo esemplare permanente in Italia, in occasione dell'evento “Dora e Sempre”. Da non perdere!

Fonte: Pixabay

Tra pochi giorni, il 9 ottobre per la precisione, dalle 5 del pomeriggio, sarà inaugurata una fontana particolare. Da essa non sgorgherà acqua, bensì vino. Si tratta della prima fontana in Italia di questo tipo. Si troverà in Abruzzo, presso la frazione Caldari del comune di Ortona, che si trova in provincia di Chieti. Dovrà concludere l’evento chiamato “Dora e Sempre”.

L’evento in questione è una festa che ruota attorno alla raccolta dell’uva con conseguente pigiatura per il celebre e prezioso Montepulciano d’Abruzzo, della cantina Dora Sarchese. Una festa del vino che non poteva non culminare con questa idea originale e fiabesca. Si tratterebbe, infatti, del primo caso in Italia, che potrebbe portare al comune numerosi pellegrinaggi eno-gastronomici di alto livello.

Una fontana da sogno

L’iniziativa è nata dall’associazione non-profit del Cammino di San Tommaso, la quale da molto tempo si occupa di organizzare percorsi spirituali ma anche più strettamente turistici dalla Capitale fino ad Ortona. Infatti, nella cattedrale ortonese sono custodite le spoglie di San Tommaso. Davvero una bella idea se pensiamo alla ricchezza e alla preziosità di certe risorse italiane.

La fontana da cui scorrerà vino può apparire un sogno per i wine lovers. Un sogno che finalmente si realizzerà, grazie alle intenzioni del titolare della cantina Dora Sarchese, Nicola D’Auria. Il progetto della fontana si deve, invece, all’architetto Rocco Valentini.

La prima fontana di vino in Italia

L’idea di una fontana da cui scorresse il vino nasce da alcune istallazioni simili visitate precedentemente da Dina Cespa e Luigi Narcisi, i fondatori del Cammino di San Tommaso. I due, viaggiando numerose volte su diversi itinerari, tra cui quello ormai celebre di Santiago di Compostela, in Spagna, si imbatterono nella fontana di vino Bodegas Irache ad Estella. Si trattava, questa, di un segno d’accoglienza per i pellegrini.

Perché non replicare l’idea? Ebbene, grazie a questa fontana spagnola sarà possibile averne una tutta italiana. Dopo il coinvolgimento dell’imprenditore Nicola D’Auria, l’associazione ha potuto dare vita al progetto e realizzare l’opera. In realtà già a Taranto, a Gorizia e a Roma esistono esemplari simili, ma sono aperte al pubblico solo per alcune festività particolari. Di fatto, questa è la prima vera fontana di vino italiana.

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti