Viaggi

In cabina: cosa succede davvero durante il decollo e atterraggio?

Se vi siete mai chiesti cosa succede durante un decollo o cosa succede durante un atterraggio, ecco tutti i retroscena svelati

Cosa succede durante un decollo o cosa succede durante un atterraggio per i comuni mortali resta un mistero, affidandosi ciecamente all’esperienza di chi popola la cabina di comando. Finalmente i retroscena sono stati svelati dal Capitano Brown con alle spalle 20 anni nell’aviazione civile a bordo dei Boeing 737, 747 e 777. Si tratta dei due momenti chiave di un volo, perciò piuttosto delicati. Innazitutto, bisogna aspettare sulla pista di ricevere il via libera per il decollo. In seguito il primo ufficiale deve controllare che tutti i motori funzionino a dovere per non incappare in sgradevoli sorprese.

In questo momento inizia la spinta calcolata previamente per riuscire ad alzare l’aereo. Per fare ciò, deve prendere abbastanza velocità e nel caso qualcosa vada storto il capitano dev’essere pronto a spegnere tutto.La posizione ottimale per il decollo è seguire la linea bianca al centro della pista, cosicchè se ci fosse un incidente i passeggeri potranno lasciare il velivolo senza troppi problemi. Una volta raggiunti i 100 nodi, che equivalgono a 185 km all’ora, è il momento di staccarsi da terra: è il cosiddetto V1. Il capitano dice al suo secondo di girare, ovvero di arrivare alla velocità in cui si applica il controllo al montacarichi, si alza il carrello e finalmente si può iniziare a volare.

In questo momento è cruciale che la scalata sia “positiva”. Per capire cosa succede durante il decollo, ci dev’essere un dialogo tra capitano e il secondo: una persona osserva e legge la consolle mentre l’altra chiede che le marce vengano mosse. Cosa succede invece durante un atterraggio? Secondo il capitano è come far scendere un intero condominio a causa dell’altitudine extra, soprattutto se si tratta di un 747 o di un Airbus A380.

Si tratta di un momento piuttosto rumoroso, dato che la cabina è piccola e si trova proprio al di sopra della parte principale della fusoliera. Attualmente, per riuscire a leggere correttamente le rotte senza troppo sforzo, si stanno dotando i nuovi modelli con iPads. Il momento dell’atterraggio mostra spesso le doti fisiche dei piloti, dato che si sta spostando un velivolo che equivale a due piani di una casa. Un passaggio delicato ma certamente anche stimolante e soddisfacente. D’ora in poi, decollare e atterrare non sarà più la stessa cosa.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati