Imperdibili

Italiani, popolo di ortolani. Sono 20 milioni secondo Coldiretti

L'orto privato è la nuova passione di milioni di italiani: secondo la Coldiretti un italiano su 4 si dedica alla coltivazione di piante, verdure ed ortaggi

Secondo la Coldiretti, l’orto privato è la nuova passione degli italiani con oltre 20 milioni di persone che si dedicano a questo hobby. Specialmente con l’arrivo della bella stagione il 25,6% degli italiani, ovvero uno su quattro, si dedica alla coltivazione di piante e ortaggi nel proprio orto privato.

Questi dati sono stati raccolti dalla Coldiretti, Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti, la maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell’agricoltura italiana. Indipendentemente dal tipo di terreno che si possiede, urbano o agricolo, gli italiani hanno come hobby la coltivazione di verdure e ortaggi prediligendo in modo particolare lattuga, pomodori, peperoncini, zucchine, basilico, melanzane e piante aromatiche.

Già nel 2015 la Coldiretti aveva segnalato un aumento delle vendite delle attrezzature e dei macchinari per giardinaggio, come ad esempio, motoseghe, motozappe e taglia erba. Secondo le ultime statistiche, non c’è una fascia di età predominante nell’hobby del giardinaggio, ma ultimamente sono gli under 35 che si mettono in gioco.

Se in passato erano solamente i più anziani a tramandare la passione per l’orto e per la coltivazione di ortaggi e verdure, al giorno d’oggi anche i più giovani si dedicano a questa attività. Ma quali sono i motivi che spingono gli italiani a crearsi un orto privato? Secondo l’associazione dell’agricoltura italiana la maggior parte degli italiani sì dedica a questa attività per la passione per il lavoro all’aria aperta e la curiosità di veder crescere qualcosa che si è coltivato.

Ma sicuramente tra i motivi c’è anche un fattore economico: coltivando da sé ortaggi e verdure c’è la possibilità di risparmiare qualcosa senza però rinunciare alla qualità, e questo è molto importante in un periodo di crisi come questo. Infine, un altro motivo per cui gli italiani si dedicano alla coltivazione dell’orto privato, è la soddisfazione di offrire ai propri amici o famigliari dei prodotti freschi e genuini.

Al contrario di quello che si può pensare la maggior parte delle persone che decide di intraprendere questa attività non ha alcuna nozione di base, in quanto non tutti provengono da famiglie di contadini o di agricoltori. Per imparare i neo coltivatori si affidano alle riviste di giardinaggio, ai tutorial che si trovano facilmente online e ai tutor dell’orto, figura professionale messa a disposizione da Coldiretti.

Questo boom degli orti privati è stato determinato in parte anche dalla abbondanza di terreni pubblici: circa 3,3 milioni di metri quadrati di terreno di proprietà comunale sono stati divisi in piccoli appezzamenti e usati come orti privati.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati