Viaggi

Itinerario per San Francisco, cosa vedere in tre giorni

Mozzafiato i suoi colori, incredibile la sua cultura, ecco ciò che affascina di una delle metropoli più belle d'America

Fonte: google

Vicino alla leggendaria Città degli angeli sorge San Francisco. Se nella prima non si ha che l’imbarazzo della scelta rispetto a cosa vedere, da Hollywood agli studi della Paramount Pictur, a San Francisco regna la multiculturalità.

Ma non solo. La città di San Francisco è anche molto altro. Per visitarla tutta sono neccessari a grandi linee in due o tre giorni. L’importante è che vi concentriate bene sulle cose che non volete perdervi. Perciò, stilate un itinerario ben preciso da seguire.

Cosa vedere in due giorni

Il tour prosegue con un giro in Lombard Street famosa per avere il maggior numero di tornanti rispetto a qualsiasi strada che scende una collina. La strada è soprannominata la via più tortuosa del mondo.

Da qui si prosegue in Ghirardelli Square: questa piazza è sul lungomare di San Francisco nel quartiere Molo dei Pescator . Qui potrete trovare una cucina raffinata, degustazione di vini, bar, centri benessere , intrattenimento, gelaterie e un famoso negozio di cioccolato.

Sempre nella baia di San Francisco si trova Alcatraz, a circa 2,41 km in mare aperto. L’isola che si estende su 9 ettari ed è un ex penitenziario federale, è stata anche la sede del primo faro ( 1854) e del primo forte degli Stati Uniti costruito nel 1859, sulla costa occidentale d’America. Il giorno dopo si può visitare la Coit Tower.

San Francisco cosa vedere in 3 giorni

In un itinerario di tre giorni, alle tappe già proposte si potrebbe aggiungere una visita alla City Hall. Gli uffici comunali della città occupano infatti un edificio Beaux-Arts progettato da Arthur Brown Jr. Il nuovo edificio è stato costruito dopo il terremoto del 1906 e completato nel 1915.

Nel 1999 il Municipio è stato riaperto dopo ulteriori lavori di ristrutturazione e le modifiche sono state realizzate per rendere la costruzione a prova di terremoto.

Oltre a una passeggiata sul Golden Gate Bridge, nel vostro tour non può mancare una visita al De Young Museum: questo museo si trova a Golden Bridge Park ed è ospitato all’interno dell’ex Fine Arts Building costruito per la California Midwinter International Exposition del 1894.

L’edificio ha un design che richiama un’arte pseudo egiziana e ripropone in un rilievo immagini di Hathor, la dea egizia in forma di mucca. A seguito di gravi danni alla struttura, l’edificio subì un restauro e una riprogettazione e fu infine riaperto nel 2005. Il nuovo design incorpora elementi della costruzione originale ed elementi moderni che integrano il museo con l’ambiente naturale circostante. Il nuovo edificio è rivestito in rame, che una volta ossidato diventa verde e si fonde con il colore degli alberi circostanti.

Cosa vedere nei dintorni

La baia di San Francisco è anche sede di alcune delle più belle zone produttrici di vino del mondo, tra cui Napa Valley e Sonoma. Inoltre qui si possono visitare molte città sul lungomare, spiagge spettacolari e l’estremità meridionale della baia conosciuta come Silicon Valley.

Napa Valley e Sonoma sono due regioni vinicole di fama mondiale, entrambe a circa un’ora di auto a nord di San Francisco. Vantano dolci colline coltivate con alcune delle uve più ambite al mondo.

Napa Valley è famosa come terra di grandi tenute, con ampie sale di degustazione, pittoresche cittadine ed eleganti alloggi, molti dei quali costeggiano il celebre Silverado Trail. Sonoma tende a trasmettere al visitatore una sensazione di maggiore intimità, specialmente quando ci si spinge più a nord verso il Russian River.

La Silicon Valley è la vera e propria base di partenza per raggiungere il cuore e l’anima della tecnologia informatica, tra il computer design, le applicazioni, i telefoni eccetera. Alcune aziende sono così grandi e così influente che i loro nomi sono diventati parte del nostro vocabolario (basti pensare a Google).

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati