Jalisse: "Da 20 anni il Festival di Sanremo non ci vuole"

I Jalisse attaccano Sanremo, svelando di essere stati bocciati per 20 anni dopo la vittoria di "Fiumi di parole"

Fonte: Twitter

I Jalisse si confessano in un’intervista al settimanale “Oggi”, svelando la loro delusione per l’ennesima bocciatura la Festival di Sanremo. “Abbiamo vinto nel 1997 – hanno svelato -. Da allora, ogni anno, per venti volte, ci siamo iscritti e abbiamo atteso di essere selezionati. Ogni benedetto anno ci hanno detto: “Bella canzone, bel progetto, bella musica”. Poi nessuno chiama, e noi vediamo il Festival da casa”.

Marito e moglie nella vita, Fabio Ricci e Alessandra Drusian non hanno nascosto la frustrazione all’idea di non poter salire più sul palco dell’Ariston. I Jalisse sono convinti che la decisione di bocciarli ogni anno per venti anni, sia dovuta ad interessi di parte: “Abbiamo vinto in maniera inaspettata, senza un produttore forte – hanno rivelato – e l’abbiamo pagata”. Il duo ha parlato di “ostracismo”, facendo riferimento ad una precisa volontà di non vederli più al Festival di Sanremo.

Fra molte difficoltà, i Jalisse hanno continuato a fare musica, nonostante le bocciature di Sanremo. “Nel 1999 ho persino lavorato in una pizzeria – ha svelato Fabio Ricci -. La gente mi riconosceva e pensava che il locale fosse mio. Invece no: con Alessandra incinta di Angelica, la nostra prima figlia, lo facevo per portare a casa qualche lira”.

“I Jalisse sono persone tra le persone, con il privilegio di fare musica e di comunicare le proprie emozioni – aveva raccontato qualche tempo fa il duo -. Sono una coppia di Indiani, nativi artigiani della musica, con arco e frecce fin dal 1997 ai tempi di Sanremo, che continua a fare musica indipendente, nel loro piccolo, con passione e professionalità”.

“Abbiamo fatto diverse cose – avevano svelato i Jalisse parlando del post-Sanremo – come l’esperienza con la Professoressa Rita Levi Montalcini, che per noi nel 2006 ha scritto il testo del brano Linguaggio Universale. Poi abbiamo collaborato con il poeta italo-iracheno Younis Tawfik e con i detenuti del carcere di San Vittore per la Fondazione Mike Bongiorno. Abbiamo anche partecipato all’iniziativa Cantautori nelle Scuole, per mettere in luce la creatività dei giovani studenti”.

Storie dal web

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti