Sport

Juve scatenata: altri tre colpi dopo Pjanic e Alves

La dirigenza bianconera non si ferma e punta a mettere a disposizione di Allegri una corazzata in grado di puntare alla Champions.

Se dalla propria località di vacanza Mehdi Benatia starà guardando l’Europeo, si può pensare che il difensore marocchino sia più vicino alla Juventus. Con una coppia centrale formata dal neo-acquisto del Bayern Mats Hummels e Jerome Boateng, quest’ultimo al momento il miglior difensore della competizione, per l’ex romanista trovare spazio nella squadra che sarà di Carlo Ancelotti sembra un’impresa impossibile. Su questo fanno leva i bianconeri, che studiano le prossime mosse di mercato dopo gli arrivi di Dani Alves e Miralem Pjanic.

Marotta e Paratici non sembrano avere fretta nella scelta dell’erede di Alvaro Morata (ammesso che non sia… sé stesso, qualora a Torino non si convincessero di provare a riacquistare lo spagnolo). Meglio concentrarsi su altre operazioni, come l’innesto di un difensore che renda ancora più invulnerabile il reparto già fortissimo grazie all’inossidabile BBC e a Rugani.

Benatia, sul quale è forte anche la Roma per quello che sarebbe un clamoroso ritorno, è una delle opzioni migliori su piazza, considerando anche il fatto che Allegri predilige puntare su giocatori che già conoscono la Serie A. Appianabile la differenza di vedute con il Bayern, che preferirebbe la cessione a titolo definitivo o in prestito con obbligo di riscatto, mentre i bianconeri spingono per il diritto.

E non è finita, perché gli occhi dei dirigenti bianconeri sono fissi anche su André Gomes, scelto come pedina ideale per completare un centrocampo da sogno con Pjanic e Pogba, e su due degli under 23 più forti del mondo, come Gabriel Jesus e Marko Pjaca.

Il primo, brasiliano classe ’97 del Palmeiras, è considerato il nuovo Neymar e costa già 40 milioni: non pochi, ma la Juve può arrivarci, così più che la concorrenza dell’Inter preoccupa quella del Barcellona, che potrebbe perdere lo stesso Neymar diretto verso il Psg. Anche su Pjaca sono forti le milanesi, in particolare i rossoneri, ostacolati però da due fattori: lo stallo societario e la vertiginosa crescita del prezzo del cartellino dopo le magie che il trequartista della Dinamo Zagabria ha messo in mostra all’Europeo. La Juve si sta informando, spaventando la concorrenza non solo interna.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati