0, 2, 1, 1, 2, 1, 3 trend

La dieta mima digiuno contro l'invecchiamento

La dieta mima digiuno ha effetti sorprendenti sull'invecchiamento e sullo stato di salute complessivo dell’organismo

Fonte: Pixabay

La dieta “mima digiuno” elaborata dal Prof. Longo prevede un regime alimentare ipocalorico. Le conseguenze sul nostro organismo di questo trattamento sono molteplici e pare che attorno ai suoi benefici ci sia oggi un consenso diffuso. Dietologi e centri di ricerca in tutto il mondo tendono a sottolineare come la dieta non solo aiuti a perdere peso eliminando la massa grassa senza influire su quella muscolare, ma sia ottima anche per la salute dell’organismo nel suo complesso, per rallentare l’invecchiamento e anche per dar modo a nuovi neuroni di generarsi.

Le ricerche sugli effetti benefici del metodo Longo si sono moltiplicate negli ultimi anni, fra queste sono particolarmente interessanti gli studi dell’University of Southern California School of Gerontology di Los Angeles e della Brigham Young University.

Dieta e riduzione del rischio di ammalarsi

La ricerca del team di Los Angeles coordinato dallo stesso Valter Longo ha osservato come la dieta mima digiuno riduca il rischio di diabete, malattie cardiovascolari e cancro. Il regime alimentare ipocalorico, infatti, contribuisce a diminuire: il grasso addominale, il colesterolo, la pressione sanguigna, la molecola IGF-1 responsabile del cancro e dell’invecchiamento e il fattore infiammatorio CRP.

La ricerca è stata condotta su un campione di soggetti fra cui alcuni obesi o in sovrappeso. A questi è stato chiesto di attenersi alla dieta cinque giorni al mese per tre mesi. I risultati in cosi breve tempo sono stati quelli appena descritti.

Dieta e ringiovanimento

La rivista Molecular & Cellular Proteomics ha recentemente pubblicato un articolo che riporta i risultati di una ricerca supervisionata dal Prof. John Prince della Brigham Young University. Lo scopo dello studio era quello di verificare l’impatto della dieta sull’invecchiamento delle cellule. I risultati mostrano che il regime alimentare ipocalorico elimina l’apporto di proteine. Da ciò consegue un rallentamento dell’attività dei ribosomi (organi cellulari che sintetizzano le proteine). Rallentando l’attività, i ribosomi hanno potuto ripararsi e ringiovanire.

I topi sottoposti all’esperimento risultavano essere più attivi e meno soggetti a malattie dopo la dieta mima digiuno. Secondo Pierce, i roditori «hanno vissuto più a lungo, hanno conservato meglio i loro corpi e sono rimasti giovani più a lungo».

TAG:

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti