Sport

La Francia perde: per un uomo l'epilogo è tragico

Un russo aveva puntato tutti i suoi risparmi sulla formazione di Deschamps. Persa la scommessa ha compiuto il gesto estremo lasciandosi travolgere da un treno

Arriva dalla Russia, passando per le pagine del tabloid inglese ‘The Mirror’, una tragica notizia legata a un recente avvenimento sportivo che ha catalizzato le attenzioni del mondo intero: un ventisettenne russo – Fidel Nikitin il suo nome – si è tolto la vita a causa della sconfitta patita dalla Francia con il Portogallo nella finale di Euro2016, la massima rassegna calcistica continentale per nazioni che ha avuto il suo epilogo domenica allo ‘Stade de France’.

Nikitin, un venditore di telefoni cellulari a quanto sembra sommerso dai debiti, aveva puntato tutti i suoi risparmi, pari a circa 2.700 euro, sulla vittoria della favoritissima squadra di Didier Deschamps. Che però ha perso, nonostante il fattore campo favorevole e nonostante l’infortunio che ha privato fin quasi da subito i portoghesi della loro stella, Cristiano Ronaldo: il fuoriclasse, toccato duro da Payet, ha alzato bandiera bianca dopo 25’ minuti, gran parte dei quali passati a zoppicare. A decidere il match, come è noto, è stata la rete messa a segno da Eder (per ironia della sorte a libro paga del club francese del Lille) all’inizio del secondo tempo supplementare con un destro che non ha consentito alcuna replica al portiere transalpino Hugo Lloris.

Al triplice fischio, mentre i lusitani festeggiavano un trionfo che ha interrotto un’atavica astinenza, l’affranto scommettitore è uscito di casa, si è diretto verso la ferrovia e ha cominciato a camminare tra i binari della linea che collegano le città di Ludzya e Izhevsk, non lontano dai Monti Urali. Non si è spostato neanche quando il treno è sopraggiunto – con il macchinista che gli ha lanciato segnali di allarme – ed è morto per le ferite riportate nell’impatto.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati