Viaggi

La Muraglia cinese e la storia di un'impresa epocale

Tra i più vasti progetti mai realizzati, la Muraglia cinese conserva con sé tutto il fascino di una storia sopravvissuta ai secoli. Ecco tutto quello che c'è da sapere

Fonte: google

Forse il simbolo più riconoscibile della Cina e della sua storia lunga e vivace, la Grande Muraglia cinese in realtà è costituita da numerose mura e fortificazioni, molti in esecuzione parallela tra loro. Originariamente concepita dall’imperatore Qin Shi Huang (c. 259-210 aC), nel terzo secolo a.C. come un mezzo per prevenire incursioni da parte di nomadi barbari nell’Impero cinese.

Il muro è uno dei più vasti progetti di costruzione mai completati. La sezione più nota e meglio conservata della Grande Muraglia è stata costruita durante la dinastia Ming (1368-1644). Anche se la Muraglia cinese non ha impedito efficacemente agli invasori di entrare in Cina, ha funzionato più come una barriera psicologica tra la civiltà cinese e il mondo, e rimane un potente e duraturo simbolo di forza.

La lunghezza

Molte persone sono curiose di sapere la lunghezza complessiva della Grande Muraglia cinese. La lunghezza totale della Grande Muraglia cinese è di 21,196.18 chilometri, annunciata ufficialmente all‘Administration of Cultural Relics della Cina nel 2012.

Prima di questo sondaggio archeologico, a questa domanda era difficile rispondere, poiché molte dinastie hanno partecipato alla costruzione del muro e molte sezioni si trovano in remote montagne, praterie o deserti che per tempo hanno reso la misurazione complessiva un grosso problema.

L’altezza

La Grande Muraglia cinese varia in altezza da pochi piedi a oltre 30 piedi (cioè più di 9 metri). Dal momento che alcune parti del muro sono costruite sulle cime e le alte creste delle montagne, la Muraglia sembra ancora più alta.

Pechino e la Grande muraglia

Pechino non è solo il centro politico della Cina, ma anche la città più strategica del nord del paese. Molte dinastie della storia cinese contribuirono a costruire attivamente la Muraglia cinese qui. In totale, la sezione di Pechino misura circa 600 chilometri.

Le sezioni costruite durante la dinastia Ming (1368-1644) ammontano a circa 550 chilometri, e le sezioni delle altre dinastie aggiunsero altri 40 chilometri. Essi sono distribuiti nel distretto Pinggu, nella contea di Miyun, nel distretto di Huairou, Yanqing County, nel distretto di Changping e in quello di Mentougou.

Uscendo dalle semi-rovine di una sezione della Grande Muraglia cinese, vi sembrerà di camminare sulle orme del passato. Lontano dalle folle di turisti, è possibile percepire un grande senso della altezza e della maestosità di questo straordinario pezzo di ingegneria, costruito nel corso di secoli.

Alcune delle attrazioni principali di questo itinerario sono nei posti più piccoli attraverso i quali si cammina, luoghi che la maggioranza degli altri turisti non vedono. Esistono itinerari di trekking lungo varie sezioni contrastanti del muro, che consentono al visitatore di avvicinarsi giorno per giorno alla vita della Cina rurale, prima di tornare a Pechino, una città ricca di storia che si sta tuffando a capofitto nella modernità.

L’esercito di terracotta

L’esercito di terracotta (Guerrieri e cavalli di terracotta) sono i più significativi scavi archeologici del 20° secolo. Il lavoro è ancora in corso in questo sito, che è a circa 1,5 chilometri in direzione est rispetto al Mausoleo dell’Imperatore Qin Shi Huang in Lintong, Xi’an, Shaanxi. Si tratta di uno spettacolo da non perdere per qualsiasi visitatore in Cina.

Salendo al trono all’età di 13 anni (nel 246 a.C.), Qin Shi Huang, imperatore di tutta la Cina, iniziò a lavorare per il suo mausoleo. Ci sono voluti 11 anni per terminare. Si dice che molti tesori sepolti e oggetti sacrificali avessero accompagnato l’imperatore nella sua vita ultraterrena.

Un gruppo di contadini ha scoperto alcune ceramiche scavando un pozzo nei pressi della sua tomba nel 1974. Ciò catturò immediatamente l’attenzione degli archeologi di tutto il mondo, che sono arrivati a Xian in massa per studiare ed estendere gli scavi. I loro studi stabilirono senza ombra di dubbio che questi manufatti erano stati associati alla dinastia Qin (211-206 a.C.).

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati