Tech

La realtà virtuale può aiutare a sconfiggere il dolore?

La realtà virtuale può essere un ausilio nel trattamento del dolore. Ecco come i video game potrebbero aiutare chi soffre, secondo uno studio

Fonte: flickr

La realtà virtuale può aiutare a sconfiggere il dolore. È questo il dato che emerge da un nuovo studio sull’impiego del gioco digitale a fini terapeutici. Il fatto che la psicologia rivesta un ruolo di primo piano nel modo in cui sperimentiamo sia il dolore acuto, che quello cronico, non è una novità. La ricerca ha dimostrato come le sensazioni dolorose possano essere manipolate in base a quello che pensiamo. Oggi, grazie al progresso della tecnologia, nuovi metodi finalizzati al sollievo dal dolore stanno raggiungendo risultati sempre più promettenti.

L’idea alla base di questi approcci è che, immersi in un mondo virtuale coinvolgente, i pazienti riescano a distrarsi dall’esperienza dolorosa che stanno provando. I progressi nell’ambito della grafica digitale, specialmente nel settore del gioco, hanno reso alcune tecnologie, una volta costose, più accessibili. Il risultato è che sistemi di realtà virtuale sempre più evoluti cominciano ad essere utilizzati nel trattamento dei pazienti durante procedure dolorose, come le cure dentistiche o la medicazione delle ustioni.

Finora solo pochi studi, effettuati a campione, hanno testato l’efficacia di questo approccio. Tuttavia una nuova ricerca, pubblicata di recente sulla rivista scientifica Royal Society Open Science, ha portato alcune prove determinanti a favore dell’impiego della realtà virtuale per aiutare chi soffre. Scopo dello studio era esaminare gli effetti degli stimoli sensoriali uditivi e visivi sulle sensazioni dolorose. I ricercatori hanno quindi lasciato un gruppo di 27 volontari sani con le mani immerse nell’acqua ghiacciata (a circa 1⁰C), fino al punto in cui non potevano più tollerarlo. Contemporaneamente, li hanno coinvolti in un gioco virtuale, ambientato in un mondo futuristico.

I ricercatori hanno analizzato come i livelli di tolleranza del dolore siano stati modificati dalle diverse quantità di input sensoriali provocati dal gioco, utilizzando, prima separatamente e poi insieme, i suoni e le immagini. Forse non vi sorprenderà, ma lo studio ha rilevato che i livelli di tolleranza del dolore sono stati più alti, quando gli input visivi e uditivi erano combinati. Tuttavia, è interessante notare che, anche sperimentando separatamente suoni e immagini, i soggetti hanno aumentato il proprio grado di tolleranza del dolore. La prossima volta, invece di frugare nell’armadietto del bagno alla ricerca di un antidolorifico, potreste avviare un video game.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati