Lifestyle

La scollatura femminile aiuta a trovare lavoro, lo dice la scienza

La scollatura femminile sarebbe d'aiuto alle donne per trovare lavoro. È davvero questo il deprimente segreto per il successo? Lo rivela un recente studio della French University

Fonte: Pixabay

La scollatura femminile aiuta davvero una donna che cerca lavoro? Molte donne si preoccupano del fatto che il loro curriculum sia all’altezza per un lavoro, ma il segreto per colpire in un colloquio potrebbe essere così semplice come portare un vestitino scollato. Lo ha rivelato uno studio, secondo cui le candidature che includono una foto dove viene mostrata la scollatura femminile sono cinque volte più di impatto durante un intervista per un lavoro. Lo studio è stato condotto a Parigi e si incentra sui colloqui fatti per posizioni lavorative specializzate in vendita e in contabilità.

La ricerca, condotta dal dottor Sevag Kertechian, un ricercatore della Paris-Sorbonne University, aveva l’obiettivo di scoprire che impatto hanno gli indumenti di una donna che cerca lavoro in un processo di assunzione. Due donne molto simili tra loro e con praticamente le stesse identiche esperienze sui loro curricula si sono candidate ognuna per cento ruoli con indumenti molto cauti e conservatori, e per altre cento posizioni con vestiti succinti e scollati. Lo studio è durato tre anni. Le candidature fatte con una scollatura ben in vista hanno ricevuto sessantadue richieste di colloqui di lavoro in più rispetto a quelle fatte con un abbigliamento più conservatore.

In riferimento ai risultati, il dottor Kertechian ha affermato che una scollatura femminile influenza in modo significativo la possibilità di assunzione, anche per impieghi di amministrazione. A prescindere dal lavoro, le candidate con un abbigliamento più succinto hanno ricevuto risposte maggiormente positive. I risultati dello studio sono abbastanza oltraggiosi e negativi, ma non necessariamente sorprendenti: se ne discuterà all’Appearance Matters Conference, l’evento più grande a livello mondiale che riguarda l’immagine del corpo e le deformità. La conferenza vedrà la partecipazione di più di duecento esperti provenienti da tutto il mondo.

Tenutasi a Londra per la prima volta in una storia di tredici anni, l’Appareance Matters Conference comprende il confronto di ricercatori specializzati in varietà di discipline correlate alla psicologia dell’apparenza. Tra gli accademici presenti ci sarà la dottoressa Amy Slater, i cui studi hanno rivelato che le insoddisfazioni di giovani ragazze a proposito del proprio fisico sono aumentate dopo aver giocato a un videogioco makeover online per dieci minuti. Accademici, medici e professionisti coinvolti in ricerche parteciperanno alla conferenza per migliorare i propri studi e condividere idee con gli altri che lavorano nel campo.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati