Imperdibili

Le caratteristiche delle moto custom: tutto quello che c'è da sapere

Guidare una moto custom è uno stile vita, cenni storici e caratteristiche principali dei chopper dalle origini a oggi

Fonte: Pinterest

Le moto custom sono una naturale evoluzione dei chopper, che comparvero per la prima volta negli Stati Uniti durante gli anni Cinquanta. In quel periodo alcuni appassionati di Harley decisero di modificare personalmente le loro motociclette per renderle più veloci e performanti. Iniziarono a creare i loro componenti partendo da pezzi destinati alla demolizione, dando inconsapevolmente vita ad uno stile completamente nuovo.

Oggi è considerata una moto custom qualunque motocicletta realizzata su misura, anche se nell’accezione comune del termine si tende ad identificare una moto che mantiene lo stile originario del chopper. I due termini quindi oggi sono quasi equivalenti, benché potrebbero essere considerata come moto custom qualunque motocicletta realizzata su misura, a prescindere dal genere. Infatti, grazie a questi primi “pioneri” molte aziende costruttrici iniziarono a commercializzare i chopper, nella versione modificata della Harley, ed a realizzare diversi accessori per poterli personalizzare ulteriormente.

Tra le caratteristiche della parte ciclistica di un chopper si trova un imponente manubrio ed un interasse molto lungo, che colloca la ruota anteriore molto più avanti rispetto alle moto sportive. La seduta è piuttosto bassa ed impone una guida con braccia alzate.

Inoltre la ruota posteriore risulta essere dotata di gomme più larghe per sostenere il peso del mezzo. La particolarità delle moto custom è che possono essere personalizzate più di qualunque altra moto, in base alle esigenze del guidatore. Tuttavia c’è un elemento che accomuna tutte le moto chopper, ovvero il motore bicilindrico a V, che ha mantenuto le originarie caratteristiche delle Harley Davidson. La parte meccanica è sempre a vista, in modo da alleggerire quanto più possibile il mezzo e di poter mostrare il vero cuore della moto.

Tra i componenti particolari che differenziano le moto custom, c’è anche lo scarico che percorre la parte bassa della moto e che è una delle parti che la caratterizzano di più. Una moto personalizzata non può ovviamente avere una carenatura anonima, per cui nel tempo sono nati diversi stili di decorazione, creati soprattutto con le tecniche dell’aerografo, che permettono di realizzare disegni davvero stupendi ed irripetibili. Indiani, tigri ed elementi gotici sono in genere i soggetti più utilizzati, anche se, è bene ricordare, che in questo settore non esistono limiti di personalizzazione.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati