Viaggi

Le isole Tremiti, veri e propri gioielli dell'Adriatico

Per recuperare le energie e stare a contatto con la natura incontaminata, visitate le isole Tremiti, a nord della Puglia: spiagge dorate, acque cristalline, fondali magici

Fonte: google

Le Isole Tremiti, uno dei gioielli dell’Adriatico, si stagliano a 22 km a nord del Gargano. Sono considerate una delle mete pugliesi più ambite, per gli splendidi paesaggi naturali, le scogliere e le acque limpide su cui contemplare gli orizzonti invernali ed estivi.

Se non avete mai provato il brivido dell’aria, potrete andare in elicottero, che parte ogni giorno dall’aeroporto di Foggia e impiega circa 20 minuti. Macchine e moto sono ammesse solo nell’isola di San Domino, ma vi consiglio di sfruttare le ridotte dimensioni dei centri abitati per godere al massimo dell’aria insulare.

Nel caso vogliate organizzare una scampagnata alle Isole Tremiti, in qualsiasi periodo dell’anno potete fare affidamento sulle varie compagnie marittime non solo dal nord della Puglia, ma anche dai porti dell’Abruzzo e del Molise. Il porto dal quale partono più corse e più mezzi è quello di Termoli.

Traghetti

I traghetti che partono e\o ritornano dalle Isole Tremiti impiegano generalmente un’ora e seguono determinati orari in base alle compagnie. Generalmente gli orari delle corse dei vari traghetti sono:
Partenza: ore 07:30, ore 08:00,ore 08:30, ore 09:00, ore 12:15, ore 14:30, ore 15:00 – (Termoli-Tremiti).
Partenza: ore 09:30, ore 10:00, ore 14:30, ore 15:00, ore 16:30, ore 17:00 – (Tremiti- Termoli).

Escursioni

Delle cinque isole, quattro di loro sono raggiungibili direttamente via mare. San Domino e San Nicola sono le isole abitate, visitabili anche a piedi. San Domino è la più grande e la più abitata e qui sono insediate le principali strutture turistiche. Capraia e Cretaccio sono raggiungibili tramite acqua-taxi. Godetevi il percorso e fatevi raccontare le antiche storie delle loro terre. Pianosa è l’isola più lontana ed è completamente disabitata; non è raggiungibile, in quanto riserva marina.

Spiagge e balneazione

Tra le spiagge consigliabili, se volete godervi il sole, il mare, il vento e il paesaggio nella sua completezza, potete scegliere la Cala delle Arene a San Domino: una lingua di sabbia bianca bagnata da acque cristalline, unica spiaggia sabbiosa di una certa dimensione rispetto alle altre.

Sempre a San Domino, dovete assolutamente visitare la spiaggia dei Pagliai. Se non l’avete mai sentita nominare, sono sicuro che una volta vista non la dimenticherete, in quanto vi sorprenderà per le forme caratteristiche della scogliera.

E’ la spiaggia più famosa e fotografata dell’isola, cui si arriva soltanto via mare, così chiamata perché gli enormi massi che affiorano dal mare sembrano grosse balle di paglia appoggiate sull’acqua. Last but not least, per i più avventurieri, Punta secca di Caprara è il paradiso per i sub-lovers, con i sui fondali magici. Da qui la costa prosegue selvaggia, alta e scoscesa.

Hotel e B&B

Pensare ad un posto in cui riposare e prepararsi per i percorsi serali è una mossa saggia e porta con sé una serie di preferenze. Se non siete amanti dei campeggi, tra gli hotel più gettonati e recensiti positivamente su Tripadvisor troviamo: Hotel SanDomino (4 stelle e mezzo), Hotel LaVela (4 stelle e mezzo) e Hotel Eden (4 stelle). Per gli amanti dei B&B, sempre su Tripadvisor troviamo: VillaSkanderbeg (4 stelle e mezzo), Albergo Oasi (4 stelle e mezzo) e B&B La Casa di Gino (4 stelle e mezzo).

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati