L’Europeo dei tifosi: ecco la scena che commuove il mondo

Dagli incidenti provocati da inglesi e russi al geyser-sound: il bello e il brutto di Euro 2016 fino ad un abbraccio-simbolo al termine della finale.

Euro 2016 non passerà certo alla storia per la qualità del gioco espresso dalle 24 squadre o per un giocatore particolare emerso sugli altri. Parecchie stelle, da Müller a Lewandowski, fino ai talenti inglesi e anche a Paul Pogba e allo stesso Cristiano Ronaldo, hanno deluso le aspettative, forse condizionati dalla stanchezza per la lunghissima stagione con i rispettivi club.

Cosa resterà allora nella memoria degli appassionati? Di sicuro il comportamento dei tifosi. In positivo e in negativo, se ne sono viste di tutti i colori. L’inizio è stato da brivido, con i drammatici incidenti provocati dagli hooligans di Inghilterra e Russia e con i petardi lanciati in campo dai sostenitori croati, tutti episodi che avevano addirittura fatto ventilare le esclusioni a tavolino delle nazionali coinvolte.

Ma per fortuna il rovescio della medaglia ha visto il calore dei nordirlandesi, alle prese con la canzone-tormentone “Will Grigg's on fire”, e soprattutto quello degli islandesi, che hanno scandito la sorprendente marcia dei propri beniamini a ritmo di geyser-sound e con tanto colore ed entusiasmo.

La notte della finale ha rappresentato allora l’ideale summa del brutto e del bello: una minoranza di tifosi francesi ha infatti dato vita a incidenti con le forze dell’ordine che presidiavano la fanzone intorno alla Tour Eiffel, con sassaiole e scoppio di petardi e fumogeni, ma tutto è filato liscio all’interno dello stadio e fuori per quanto riguarda la convivenza tra i sostenitori di casa e i portoghesi.

Anzi, i lusitani, una cui folta rappresentanza vive nella capitale parigina, hanno invaso la Ville Lumiére in oltre 10000 unità, tra i fortunati possessori di un biglietto, coloro che hanno occupato gli Champs-Elysees e quanti hanno presidiato le fanzone. Delusione e gioia si sono mescolati senza problemi, anzi con una punta di commozione e colore. La prima è legata alla scena che ha visto un bambino portoghese consolare un adulto tifoso della Francia disperato e in lacrime proprio in una fanzone: la pacca sulla spalla e il successivo abbraccio hanno dato vita a una delle immagini simbolo dell’Europeo.

Temeraria invece la tifosa portoghese che si è lasciata andare ad un’accesa esultanza dopo il gol di Eder in una zona presidiata interamente da francesi. Tutto è andato bene, e l’oscurità non ha permesso di verificare se alla base della tolleranza ci fosse l’avvenenza della tifosa…
 

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti