Liberato: "Gaiola Portafortuna" è il nuovo singolo

"Gaiola Portafortuna" è il nuovo singolo di Liberato, il misterioso producer napoletano di cui nessuno conosce la vera identità

Fonte: Facebook

“Gaiola Portafortuna” è il nuovo singolo di Liberato. Il rapper napoletano ancora una volta ha lasciato tutti a bocca aperta, lanciando la canzone con un video a sorpresa. La clip racconta una storia d’amore nata fra i quartieri periferici di Napoli. La protagonista è una ragazza di colore che vive con altre donne e si innamora di un giovane del quartiere, ma finirà per scoprire che lui la tradisce.

Il flow è perfetto e il ritornello “Gaiola portafortuna, sotto ‘a luna” riesce a coinvolgere sin dalle prime note. Il misterioso rapper ovviamente non compare nella clip, ma vediamo un ragazzo pelato, di spalle, che mette su alcuni dischi e indossa una maglia con scritto “Liberato”. L’artista ha annunciato l’uscita del singolo pubblicando una foto sul proprio profilo Facebook con la scritta “Gaiola portafortuna”.

La canzone arriva a pochi mesi dall’uscita di “Gomorra 3” dove, secondo le ultime indiscrezioni, Liberato svelerà finalmente la sua identità, apparendo in una scena della serie tv. Nell’ultimo periodo in tanti hanno cercato di scoprire chi sia veramente il producer di “Nove Maggio” e di “Tu T’e Scurdat”E Me”.

Dopo il MI AMI Festival si era ipotizzato che Liberato fosse in realtà il nome in gruppo formato da Edoardo d’Erme, in arte Calcutta, Izi, Shablo e Priestess. La crew era salita sul palco del Circolo Magnolia di Milano per cantare alcune hit, ma non aveva confermato nè smentito questa ipotesi. Di recente invece i fan di Liberato si sono sempre più convinti che dietro il mistero si nasconda Livio Cori, cantante e rapper napoletano autore di “Non c’è fretta”.

In tanti hanno provato a confrontare questo singolo con “Nove Maggio”, trovando molte somiglianze fra le canzoni. Nel frattempo “Gaiola portafortuna” è stata accolta con grande entusiasmo, soprattutto perché l’uscita coincide con la festività di San Gennaro. Un caso? Conoscendo Liberato siamo certi di no!

 

Storie dal web

Lascia un commento

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti