Sport

L’Inghilterra ha il candidato che non ti aspetti

"Mi impegno a non perdere mai più contro una piccola isola ghiacciata che ha un dentista come allenatore in seconda", il suo messaggio

“Io, potenziale prossimo commissario tecnico dell’Inghilterra, mi impegno a non perdere mai più contro una piccola isola ghiacciata che ha un dentista come allenatore in seconda. Mi impegno, inoltre, a fare in modo che il gigante Harry Kane non batta mai più un calcio d’angolo in vita sua, ma che rimanga al centro dell’area per colpire di testa”. 

Con queste parole Eric Cantona, nel corso dell’ultima puntata di “Commissioner of Football”, in onda su Eurosport, si è candidato per sedersi sulla panchina della nazionale inglese lasciata libera da Roy Hodgson, dimessosi dopo la sorprendente sconfitta con l’Islanda negli ottavi di finale di Euro2016 e visto da molti come il colpevole numero 1 della deludente spedizione in Francia di Wayne Rooney e compagni.

Cantona, classe 1966, francese di Marsiglia con un papà di origini sarde è il classico personaggio che divide: o stai con lui o lo consideri un saccente.

Il  25 gennaio del 1995, nel corso di Crystal Palace-Manchester United, l’allora calciatore dei ‘Red Devils’ la combinò grossa. Espulso dall'arbitro per aver colpito con un calcio un difensore avversario che lo aveva trattenuto, nell’avviarsi verso gli spogliatoi sferrò un calcio in stile kung fu a un tifoso dei londinesi che non aveva trovato di meglio che prenderlo a male parole. Il tifoso venne processato per aver insultato il francese e venne condannato a sette giorni di carcere, mai scontati. Al numero 7 (la maglia che fu di Bobby Charlton e di George Best, non due qualunque) della squadra allenata da Alex Ferguson andò peggio. La giustizia ordinaria lo condannò a due settimane di prigione, pena commutata in appello a 120 ore di lavori sociali, per lo più investite nell’allenare giovani calciatori. Quella sportiva non andò per il sottile e gli inflisse otto mesi di squalifica.

Guarda anche:
Lascia un commento

I più cliccati